Sport, Bologna: ufficiale l’esonero di Sinisa Mihajlovic

Sinisa Mihajlovic non sarà più l’allenatore del Bologna. Durante un colloquio tenutosi quest’oggi a Roma, la società rossoblù ha informato all’ allenatore serbo l’esonero. Mihajlovic paga l’avvio a rilento di campionato in cui la squadra ha ottenuto solamente tre punti in cinque partite disputate. Ma anche la diversità di vedute tra tecnico e club sul mercato ha inciso sulla scelta della società. L’ultimo innesto, il difensore Stefan Posch, è stato infatti ingaggiato senza alcun confronto con l’allenatore, come riferito  da Mihajlovic in conferenza stampa: “Non lo conosco, ho sentito oggi per la prima volta il nome sui giornali”. Finisce dunque la lunga parentesi con l’allenatore serbo iniziata a gennaio 2019. Il club rossoblù è già al lavoro per trovare un sostituto: i nomi più quotati in questo momento sono  Claudio Ranieri, Paulo Sosa e Thiago Motta, con quest’ultimo che sembra in leggero vantaggio.

Sinisa Mihajlovic non sarà più l’allenatore del Bologna. Durante un colloquio tenutosi quest’oggi a Roma, la società rossoblù ha informato all’ allenatore serbo l’esonero. Mihajlovic paga l’avvio a rilento di campionato in cui la squadra ha ottenuto solamente tre punti in cinque partite disputate. Ma anche la diversità di vedute tra tecnico e club sul mercato ha inciso sulla scelta della società. L’ultimo innesto, il difensore Stefan Posch, è stato infatti ingaggiato senza alcun confronto con l’allenatore, come riferito  da Mihajlovic in conferenza stampa: “Non lo conosco, ho sentito oggi per la prima volta il nome sui giornali”. Finisce dunque la lunga parentesi con l’allenatore serbo iniziata a gennaio 2019. Il club rossoblù è già al lavoro per trovare un sostituto: i nomi più quotati in questo momento sono  Claudio Ranieri, Paulo Sosa e Thiago Motta, con quest’ultimo che sembra in leggero vantaggio.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli