Sport, FederNuoto: il presidente Paolo Barelli sospeso dalla federazione mondiale

Il presidente della Federnuoto italiana Paolo Barelli è stato sospeso con effetto immediato dalla federazione mondiale del nuoto. “Le accuse di illeciti oggetto di indagine da parte del Comitato Etico includono potenziali violazioni multiple delle regole della costituzione e del codice etico della Fina” è scritto in un comunicato ufficiale firmato della Fina.

La sospensione del presidente Fin, Paolo Barelli, è stato ufficializzata dalla Fina, con un comunicato nel quale viene specificato che si tratta di una “sospensione provvisoria e con effetto immediato”, decisa dal Comitato etico indipendente che “sta attualmente indagando su molteplici deferimenti di presunte illeciti di tre casi separati” nei confronti di Barelli, che oltre a essere presidente della Federnuoto italiana, in passato ha ricoperto cariche come membro dell’ufficio di presidenza della Fina e presidente della Ligue Europeenne de Natation (Len).

“Le accuse di illeciti oggetto di indagine da parte del Comitato Etico includono potenziali violazioni multiple delle regole della costituzione e del codice etico della Fina”. Il Comitato, continua il comunicato, “ha deliberato di imporre al signor Barelli una sospensione provvisoria che gli preclude l’esercizio di qualsiasi funzione e la partecipazione a qualsiasi attività all’interno della Fina, delle organizzazioni continentali della Fina e delle federazioni membri della Fina”. Barelli, a seguito di questa sospensione, “non è idoneo a ricoprire la carica di presidente della Federazione Italiana Nuoto durante la sua sospensione provvisoria”, che “rimarrà in vigore fino alla risoluzione di tutte le questioni in corso con il Comitato etico Fina”.

Il presidente della Federnuoto italiana Paolo Barelli è stato sospeso con effetto immediato dalla federazione mondiale del nuoto. “Le accuse di illeciti oggetto di indagine da parte del Comitato Etico includono potenziali violazioni multiple delle regole della costituzione e del codice etico della Fina” è scritto in un comunicato ufficiale firmato della Fina.

La sospensione del presidente Fin, Paolo Barelli, è stato ufficializzata dalla Fina, con un comunicato nel quale viene specificato che si tratta di una “sospensione provvisoria e con effetto immediato”, decisa dal Comitato etico indipendente che “sta attualmente indagando su molteplici deferimenti di presunte illeciti di tre casi separati” nei confronti di Barelli, che oltre a essere presidente della Federnuoto italiana, in passato ha ricoperto cariche come membro dell’ufficio di presidenza della Fina e presidente della Ligue Europeenne de Natation (Len).

“Le accuse di illeciti oggetto di indagine da parte del Comitato Etico includono potenziali violazioni multiple delle regole della costituzione e del codice etico della Fina”. Il Comitato, continua il comunicato, “ha deliberato di imporre al signor Barelli una sospensione provvisoria che gli preclude l’esercizio di qualsiasi funzione e la partecipazione a qualsiasi attività all’interno della Fina, delle organizzazioni continentali della Fina e delle federazioni membri della Fina”. Barelli, a seguito di questa sospensione, “non è idoneo a ricoprire la carica di presidente della Federazione Italiana Nuoto durante la sua sospensione provvisoria”, che “rimarrà in vigore fino alla risoluzione di tutte le questioni in corso con il Comitato etico Fina”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli