Sport, MotoGp: Miller e Bagnaia davanti nelle libere

Entrambe le Ducati in testa nell’unico turno di qualifiche del Gp del Giappone. Miller davanti a Bagnaia primi in una classifica che in caso di pioggia sabato mattina potrebbe confermarsi e determinando così l`accesso in qualifica. Dietro alle due Desmosedici c’è il campione del mondo Fabio Quartararo con una Yamaha che ha mostrato una competitività che in pochi si aspettavano. Una classifica cortissima dove i prime dieci sono racchiusi in meno di tre decimi e la lotta per la prime file si gioca sui millesimi, sono infatti solo 28 quelli che separano i due ducatisti e 21 quelli mettono per ora Quartararo dietro Bagnaia.
Quarto crono per Aleix Espargaró con l`Aprilia, sesto Marc Marquez e decimo  Vinales, finito dietro a Oliveira e Brad Binder, con le KTM.
“In realtà non abbiamo sfruttato tutta la potenza, ci siamo concentrati sui consumi che su questa pista sono una variabile importante. Nel timore di avere un solo turno asciutto, abbiamo preferito portarci avanti in vista della gara. Da qualche gara fatichiamo di più all`inizio del weekend, ma poi riusciamo sempre a sistemare la rotta. E comunque trovare l`equilibrio su questo circuito, dove non corriamo dal 2019, richiede un po` di tempo” ha dichiarato Bagnaia.

Entrambe le Ducati in testa nell’unico turno di qualifiche del Gp del Giappone. Miller davanti a Bagnaia primi in una classifica che in caso di pioggia sabato mattina potrebbe confermarsi e determinando così l`accesso in qualifica. Dietro alle due Desmosedici c’è il campione del mondo Fabio Quartararo con una Yamaha che ha mostrato una competitività che in pochi si aspettavano. Una classifica cortissima dove i prime dieci sono racchiusi in meno di tre decimi e la lotta per la prime file si gioca sui millesimi, sono infatti solo 28 quelli che separano i due ducatisti e 21 quelli mettono per ora Quartararo dietro Bagnaia.
Quarto crono per Aleix Espargaró con l`Aprilia, sesto Marc Marquez e decimo  Vinales, finito dietro a Oliveira e Brad Binder, con le KTM.
“In realtà non abbiamo sfruttato tutta la potenza, ci siamo concentrati sui consumi che su questa pista sono una variabile importante. Nel timore di avere un solo turno asciutto, abbiamo preferito portarci avanti in vista della gara. Da qualche gara fatichiamo di più all`inizio del weekend, ma poi riusciamo sempre a sistemare la rotta. E comunque trovare l`equilibrio su questo circuito, dove non corriamo dal 2019, richiede un po` di tempo” ha dichiarato Bagnaia.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli