UCRAINA, CONS. SUPREMO DIFESA A ALLEATI: RISPOSTA UNITA E DETERMINATA

 Dalla riunione odierna del Consiglio Supremo di Difesa, svoltasi al Quirinale sotto la presidenza di Sergio Mattarella e alla presenza tra gli altri del premier Mario Draghi, è emerso che l’Italia affronterà la crisi ucraina mantenendo uno stretto raccordo con i propri partner e che insieme a tutti i paesi membri dell’UE e agli alleati della NATO è indispensabile rispondere con unità, tempestività e determinazione. Nel comunicato divulgato al termine della riunione si dichiara che: “L’imposizione alla Federazione Russa di misure severe vede l’Italia agire convintamente nel quadro del coordinamento in seno all’Unione Europea. Perché l’Europa non precipiti improvvisamente in un vortice di guerre, è necessario agire con forza e lungimiranza per ristabilire il primato del diritto internazionale e la salvaguardia dei principi e dei valori che hanno garantito pace e stabilità al nostro continente”.

 Dalla riunione odierna del Consiglio Supremo di Difesa, svoltasi al Quirinale sotto la presidenza di Sergio Mattarella e alla presenza tra gli altri del premier Mario Draghi, è emerso che l’Italia affronterà la crisi ucraina mantenendo uno stretto raccordo con i propri partner e che insieme a tutti i paesi membri dell’UE e agli alleati della NATO è indispensabile rispondere con unità, tempestività e determinazione. Nel comunicato divulgato al termine della riunione si dichiara che: “L’imposizione alla Federazione Russa di misure severe vede l’Italia agire convintamente nel quadro del coordinamento in seno all’Unione Europea. Perché l’Europa non precipiti improvvisamente in un vortice di guerre, è necessario agire con forza e lungimiranza per ristabilire il primato del diritto internazionale e la salvaguardia dei principi e dei valori che hanno garantito pace e stabilità al nostro continente”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli