UCRAINA, SAVE THE CHILDREN: 100 BAMBINI MORTI IN UN GIORNO

“Il solo pensiero che, in sole 24 ore, 100 bambini abbiano perso la vita a Kharkiv in Ucraina, a causa di questa violenza insensata, ci riempie di dolore e fa indignare profondamente. Erano bambini che andavano a scuola, amavano giocare, leggere, avere dei sogni, immaginare cosa avrebbero fatto da grandi. Ma le loro viete sono state spezzate”. Sono queste le parole pronunciate Daniela Fatarella, Direttrice Generale di Save the Children Italia, in seguito alle dichiarazioni del presidente del consiglio regionale di Kharkiv, Serhiy Chernov, riportate dalla stampa italiana.

Fatarella ha poi aggiunto: “Ancora una volta sono i più piccoli a pagare il prezzo più alto della guerra. Negli ultimi giorni scuole, asili, orfanatrofi sono stati colpiti indiscriminatamente, così come tanti luoghi in cui migliaia di civili hanno perso e continuano a perdere la vita. È ora di interrompere questa follia, per questo Save the Children chiede con forza un’immediata cessazione delle ostilità, unico modo per proteggere i bambini dalla violenza e da altre violazioni dei loro diritti”.

L`Organizzazione, che da oltre 100 anni ha come fine principale salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro, domani si unirà alle migliaia di persone che parteciperanno a Roma alla manifestazione indetta dalla Rete Italiana Pace e Disarmo per cercare di fermare questo orrendo conflitto.

“Il solo pensiero che, in sole 24 ore, 100 bambini abbiano perso la vita a Kharkiv in Ucraina, a causa di questa violenza insensata, ci riempie di dolore e fa indignare profondamente. Erano bambini che andavano a scuola, amavano giocare, leggere, avere dei sogni, immaginare cosa avrebbero fatto da grandi. Ma le loro viete sono state spezzate”. Sono queste le parole pronunciate Daniela Fatarella, Direttrice Generale di Save the Children Italia, in seguito alle dichiarazioni del presidente del consiglio regionale di Kharkiv, Serhiy Chernov, riportate dalla stampa italiana.

Fatarella ha poi aggiunto: “Ancora una volta sono i più piccoli a pagare il prezzo più alto della guerra. Negli ultimi giorni scuole, asili, orfanatrofi sono stati colpiti indiscriminatamente, così come tanti luoghi in cui migliaia di civili hanno perso e continuano a perdere la vita. È ora di interrompere questa follia, per questo Save the Children chiede con forza un’immediata cessazione delle ostilità, unico modo per proteggere i bambini dalla violenza e da altre violazioni dei loro diritti”.

L`Organizzazione, che da oltre 100 anni ha come fine principale salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro, domani si unirà alle migliaia di persone che parteciperanno a Roma alla manifestazione indetta dalla Rete Italiana Pace e Disarmo per cercare di fermare questo orrendo conflitto.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli