UE, BERGAMINI: SERVONO POLITICHE ESPANSIVE PER NUOVA EUROPA

“Le emergenze che stanno interessando l`Europa sono epocali, il Covid prima e il conflitto in Ucraina dopo, segnano una linea di demarcazione. Due avvenimenti assai drammatici con delle ricadute pesanti non solo su tutti gli Stati membri ma sull`intero Occidente. Ed è per questo che, in concomitanza con la gestione delle emergenze, dobbiamo ragionare su nuove prospettive e darci strategie efficaci per il futuro dell`Unione. Forza Italia, quale movimento profondamente europeista, è consapevole che da queste crisi si esce con una politica più espansiva”. Queste alcune delle parole pronunciate quest’oggi da  Deborah Bergamini, deputata di Forza Italia e sottosegretario di Stato ai Rapporti con il Parlamento del governo Draghi,

Bergamini ha poi chiarito: “Pensare di tornare al rigorismo imposto negli ultimi anni, alla luce di quanto sta accadendo, sarebbe certamente un atteggiamento miope e poco lungimirante. Infatti, come ha ribadito anche oggi il vice presidente Antonio Tajani, Forza Italia ha richiesto che, a partire dal 2024, entri in vigore un nuovo Patto di stabilità. Alla stessa maniera, riteniamo fondamentale che il Recovery plan divenga una misura permanente e si estendano le misure della Bce sui titoli di Stato. Da ultimo, non si può non stabilire un tetto europeo al prezzo del gas per ridurre i costi dell`energia.

La deputata di Forza Italia ha poi concluso: “Oltre alla condivisione delle misure economiche, si devono creare le condizioni per avere una posizione unica a livello europeo su più fronti, come in politica estera con un esercito e difesa comuni, come più volte auspicato dal Presidente Silvio Berlusconi. È indispensabile, oggi più che mai, quel salto in avanti che, per varie ragioni, non siamo riusciti a compiere fino ad ora. Solo in questo modo l`Europa potrà divenire protagonista di una forte Alleanza Atlantica” ha concluso.

“Le emergenze che stanno interessando l`Europa sono epocali, il Covid prima e il conflitto in Ucraina dopo, segnano una linea di demarcazione. Due avvenimenti assai drammatici con delle ricadute pesanti non solo su tutti gli Stati membri ma sull`intero Occidente. Ed è per questo che, in concomitanza con la gestione delle emergenze, dobbiamo ragionare su nuove prospettive e darci strategie efficaci per il futuro dell`Unione. Forza Italia, quale movimento profondamente europeista, è consapevole che da queste crisi si esce con una politica più espansiva”. Queste alcune delle parole pronunciate quest’oggi da  Deborah Bergamini, deputata di Forza Italia e sottosegretario di Stato ai Rapporti con il Parlamento del governo Draghi,

Bergamini ha poi chiarito: “Pensare di tornare al rigorismo imposto negli ultimi anni, alla luce di quanto sta accadendo, sarebbe certamente un atteggiamento miope e poco lungimirante. Infatti, come ha ribadito anche oggi il vice presidente Antonio Tajani, Forza Italia ha richiesto che, a partire dal 2024, entri in vigore un nuovo Patto di stabilità. Alla stessa maniera, riteniamo fondamentale che il Recovery plan divenga una misura permanente e si estendano le misure della Bce sui titoli di Stato. Da ultimo, non si può non stabilire un tetto europeo al prezzo del gas per ridurre i costi dell`energia.

La deputata di Forza Italia ha poi concluso: “Oltre alla condivisione delle misure economiche, si devono creare le condizioni per avere una posizione unica a livello europeo su più fronti, come in politica estera con un esercito e difesa comuni, come più volte auspicato dal Presidente Silvio Berlusconi. È indispensabile, oggi più che mai, quel salto in avanti che, per varie ragioni, non siamo riusciti a compiere fino ad ora. Solo in questo modo l`Europa potrà divenire protagonista di una forte Alleanza Atlantica” ha concluso.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli