UK nel caos

Uk attanagliato dal freddo, dalla neve e da un massiccio sciopero ferroviario. Gli inglesi, in particolari i pendolari, si trovano ad affrontare una settimana da incubo, tra strade che continuano a ghiacciarsi e treni che si fermano uno dopo l’altro. Voli sospesi negli aeroporti, aeromobili bloccati con le ali coperte di ghiaccio. A Heathrow, nella giornata di lunedì, più di 50 voli sono stati cancellati a causa della nebbia e la sospensione di più di 300 voli in tutto il Paese hanno mandato in tilt gli aereoporti di Gatwick, Manchester, Stansted e Bristol. Lo scalo di Stansted è stato addirittura chiuso. Si prevede che l’ondata di maltempo duri alcuni giorni e che i gravi disagi negli spostamenti perdurino. Lunedì le temperature negli altopiani dell’Aberdeenshire hanno battuto ogni record, toccando minimi di -15,7 ° C e raggiungendo un picco di -9,3 ° C, la temperatura minima più bassa da febbraio 2021 e la massima più bassa in 12 anni.
La Scozia settentrionale e l’Inghilterra nord-orientale fino a mezzogiorno di giovedì sono i un’allerta gialla per neve e ghiaccio, così come Londra, il sud-est e parti della costa meridionale.
I conducenti sulle sezioni settentrionali della M25 sono rimasti bloccati per diverse ore lunedì mentre il traffico era fermo.
In tutto questo, la RMT (l’Unione nazionale dei lavoratori ferroviari, marittimi e dei trasporti) ha sospeso l’attività per 48 ore.
Questo è il primo dei due scioperi previsti per la settimana, dopo l’interruzione dei colloqui salariali.
Gran parte del Paese, compresa la maggior parte del Galles e della Scozia, non potrà contare sul servizio ferroviario fino a venerdì.
L’amministratore delegato di Network Rail, Andrew Haines, ha ammesso che “è difficile vedere” una svolta immediata nei colloqui per porre fine ai tricicli ferroviari. Ha criticato la RMT per il “livello di interruzione che sta imponendo” e ha ammesso che “la strada da seguire non è ovvia”.
I membri di RMT hanno votato a stragrande maggioranza per respingere il pay off rivisto di Network Rail (63,6% su un’affluenza dell’83%), ma c’è stato un calo del sostegno per continuare con la campagna di azione industriale.
Il sindacato ha votato per scioperare dal 24 al 27 dicembre, ma il suo leader Mick Lynch ha sfidato Network Rail e il governo a tornare con un’offerta rivista e competitiva.
Ha detto:”Abbiamo ancora tempo prima degli scioperi di Natale” e ha chiesto “proposte serie in modo da poter ottenere una soluzione alla controversia”

Uk attanagliato dal freddo, dalla neve e da un massiccio sciopero ferroviario. Gli inglesi, in particolari i pendolari, si trovano ad affrontare una settimana da incubo, tra strade che continuano a ghiacciarsi e treni che si fermano uno dopo l’altro. Voli sospesi negli aeroporti, aeromobili bloccati con le ali coperte di ghiaccio. A Heathrow, nella giornata di lunedì, più di 50 voli sono stati cancellati a causa della nebbia e la sospensione di più di 300 voli in tutto il Paese hanno mandato in tilt gli aereoporti di Gatwick, Manchester, Stansted e Bristol. Lo scalo di Stansted è stato addirittura chiuso. Si prevede che l’ondata di maltempo duri alcuni giorni e che i gravi disagi negli spostamenti perdurino. Lunedì le temperature negli altopiani dell’Aberdeenshire hanno battuto ogni record, toccando minimi di -15,7 ° C e raggiungendo un picco di -9,3 ° C, la temperatura minima più bassa da febbraio 2021 e la massima più bassa in 12 anni.
La Scozia settentrionale e l’Inghilterra nord-orientale fino a mezzogiorno di giovedì sono i un’allerta gialla per neve e ghiaccio, così come Londra, il sud-est e parti della costa meridionale.
I conducenti sulle sezioni settentrionali della M25 sono rimasti bloccati per diverse ore lunedì mentre il traffico era fermo.
In tutto questo, la RMT (l’Unione nazionale dei lavoratori ferroviari, marittimi e dei trasporti) ha sospeso l’attività per 48 ore.
Questo è il primo dei due scioperi previsti per la settimana, dopo l’interruzione dei colloqui salariali.
Gran parte del Paese, compresa la maggior parte del Galles e della Scozia, non potrà contare sul servizio ferroviario fino a venerdì.
L’amministratore delegato di Network Rail, Andrew Haines, ha ammesso che “è difficile vedere” una svolta immediata nei colloqui per porre fine ai tricicli ferroviari. Ha criticato la RMT per il “livello di interruzione che sta imponendo” e ha ammesso che “la strada da seguire non è ovvia”.
I membri di RMT hanno votato a stragrande maggioranza per respingere il pay off rivisto di Network Rail (63,6% su un’affluenza dell’83%), ma c’è stato un calo del sostegno per continuare con la campagna di azione industriale.
Il sindacato ha votato per scioperare dal 24 al 27 dicembre, ma il suo leader Mick Lynch ha sfidato Network Rail e il governo a tornare con un’offerta rivista e competitiva.
Ha detto:”Abbiamo ancora tempo prima degli scioperi di Natale” e ha chiesto “proposte serie in modo da poter ottenere una soluzione alla controversia”

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli