Un premio internazionale ad un ospedale che combatte i cambiamenti climatici

Il Friendship Hospital, di Satkhira, un ospedale comunitario con 80 posti letto situato in una remota area rurale del sud-ovest del Bangladesh, progettato dall’architetto del Bangladesh Kashef Chowdhury/ Studio URBANA, ha vinto il RIBA International Prize 2021.

Il  RIBA International Prize viene assegnato ogni due anni a un edificio che esemplifica l’eccellenza del design e l’ambizione architettonica e offre un impatto sociale significativo. È uno dei premi di architettura più rigorosamente giudicati al mondo, con ogni edificio di lunga data visitato da esperti internazionali.

Stavolta, nella valutazione della giuria il sociale si è sposato alla sostenibilità. L’edificio a basso costo è stato progettato per funzionare e resistere agli effetti tangibili del cambiamento climatico dell’innalzamento dell’acqua di mare nell’area circostante. Una serie di cortili porta la luce naturale e la ventilazione, mentre un canale che attraversa il sito raccoglie la preziosa acqua piovana, poiché la falda freatica rimane inutilizzabile per la maggior parte degli scopi. Questo canale d’acqua aggiunge sollievo visivo, aiuta il raffreddamento microclimatico e fornisce una gradita distrazione dall’ansia e dall’infelicità legate alla malattia, sia per i pazienti che per i loro parenti: queste le idee alla base del progetto.

Il Premio, al termine dei lavori del Grand Jury, presieduto dall’architetto francese multidisciplinare e d di fama mondiale Odile Decq, che così ha letto l’opera: “L’ospedale incarna un’architettura di umanità e protezione,  che riflette la missione filantropica dell’ong che lo agisce, per fornire dignità e speranza alle comunità attraverso l’innovazione sociale”.

Il Friendship Hospital, di Satkhira, un ospedale comunitario con 80 posti letto situato in una remota area rurale del sud-ovest del Bangladesh, progettato dall’architetto del Bangladesh Kashef Chowdhury/ Studio URBANA, ha vinto il RIBA International Prize 2021.

Il  RIBA International Prize viene assegnato ogni due anni a un edificio che esemplifica l’eccellenza del design e l’ambizione architettonica e offre un impatto sociale significativo. È uno dei premi di architettura più rigorosamente giudicati al mondo, con ogni edificio di lunga data visitato da esperti internazionali.

Stavolta, nella valutazione della giuria il sociale si è sposato alla sostenibilità. L’edificio a basso costo è stato progettato per funzionare e resistere agli effetti tangibili del cambiamento climatico dell’innalzamento dell’acqua di mare nell’area circostante. Una serie di cortili porta la luce naturale e la ventilazione, mentre un canale che attraversa il sito raccoglie la preziosa acqua piovana, poiché la falda freatica rimane inutilizzabile per la maggior parte degli scopi. Questo canale d’acqua aggiunge sollievo visivo, aiuta il raffreddamento microclimatico e fornisce una gradita distrazione dall’ansia e dall’infelicità legate alla malattia, sia per i pazienti che per i loro parenti: queste le idee alla base del progetto.

Il Premio, al termine dei lavori del Grand Jury, presieduto dall’architetto francese multidisciplinare e d di fama mondiale Odile Decq, che così ha letto l’opera: “L’ospedale incarna un’architettura di umanità e protezione,  che riflette la missione filantropica dell’ong che lo agisce, per fornire dignità e speranza alle comunità attraverso l’innovazione sociale”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli

Squalo bianco

Il lato sinistro di Giuseppi

Lega Sud

Sorpresa il partito del Nord

Il ministro Fedriga