Vaticano, card. Parolin: per pace serve voglia di rispettare gli altri

 

In occasione del V Forum delle Ong di ispirazione cattolica, Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, ha dichiarato: “Negli ultimi mesi siamo stati testimoni del crescente pericolo che l`attuale conflitto nel cuore d`Europa, per non nominare tutti i conflitti attualmente in atto, pone per molti Paesi fino al punto che possiamo parlare di una guerra mondiale che il Papa ormai definisce così, e non più `a pezzi`, in conseguenza della quale molti Paesi, anche quelli non direttamente coinvolti, subiscono orribili conseguenze. La guerra in Ucraina non deve distogliere la nostra attenzione dalla cura dei più poveri, dalla protezione di coloro che non hanno voce dalla difesa dei diritti umani fondamentali”. Per arrivare ad un mondo pacificato è necessaria una “ferma volontà di rispettare gli altri uomini e gli altri popoli e la loro dignità, e l’assidua pratica della fratellanza umana”.

 

In occasione del V Forum delle Ong di ispirazione cattolica, Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, ha dichiarato: “Negli ultimi mesi siamo stati testimoni del crescente pericolo che l`attuale conflitto nel cuore d`Europa, per non nominare tutti i conflitti attualmente in atto, pone per molti Paesi fino al punto che possiamo parlare di una guerra mondiale che il Papa ormai definisce così, e non più `a pezzi`, in conseguenza della quale molti Paesi, anche quelli non direttamente coinvolti, subiscono orribili conseguenze. La guerra in Ucraina non deve distogliere la nostra attenzione dalla cura dei più poveri, dalla protezione di coloro che non hanno voce dalla difesa dei diritti umani fondamentali”. Per arrivare ad un mondo pacificato è necessaria una “ferma volontà di rispettare gli altri uomini e gli altri popoli e la loro dignità, e l’assidua pratica della fratellanza umana”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli