“Vertenza Prysmian schiaffo a lavoro a Salerno e al Sud”

Così Gigi Vicinanza, componente nazionale della Cisal Metalmeccanici, interviene a difesa dei lavoratori della società che ha deciso di smantellare il sito battipagliese per trasferire la produzione in Francia.

Per il sindacalista: “La Prysmian, che forse molti non conoscono, è un’azienda modello, leader  nella produzione di cavi per applicazione nel settore delle telecomunicazioni e delle fibre ottiche. Ecco perché non posso accettare il destino da manager che pensano solo ai numeri e non alle persone.   A perdere il lavoro potrebbero essere circa 300 dipendenti, insieme agli altri 600 dell’indotto. Battipaglia non può permettersi di perdere un’azienda fondamentale per il tessuto economico del territorio”.

Ma non è tutto, Vicinanza ha aggiunto: “Spero ci possa essere una presa di posizione di tutta la classe politica della città, sindaca in testa. Ho letto con soddisfazione le parole del presidente della Commissione Aree Interne e consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Michele Cammarano, e della senatrice grillina, Felicia Gaudiano. Bene l’inizio di un dialogo col sottosegretario del ministero dello Sviluppo Economico, Alessandra Todde. Si apra al più presto un tavolo sulla vertenza e ci si confronti anche con i sindacati. Istituzioni e rappresentanti dei lavoratori lavorino insieme per evitare la delocalizzazione”.

Così Gigi Vicinanza, componente nazionale della Cisal Metalmeccanici, interviene a difesa dei lavoratori della società che ha deciso di smantellare il sito battipagliese per trasferire la produzione in Francia.

Per il sindacalista: “La Prysmian, che forse molti non conoscono, è un’azienda modello, leader  nella produzione di cavi per applicazione nel settore delle telecomunicazioni e delle fibre ottiche. Ecco perché non posso accettare il destino da manager che pensano solo ai numeri e non alle persone.   A perdere il lavoro potrebbero essere circa 300 dipendenti, insieme agli altri 600 dell’indotto. Battipaglia non può permettersi di perdere un’azienda fondamentale per il tessuto economico del territorio”.

Ma non è tutto, Vicinanza ha aggiunto: “Spero ci possa essere una presa di posizione di tutta la classe politica della città, sindaca in testa. Ho letto con soddisfazione le parole del presidente della Commissione Aree Interne e consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Michele Cammarano, e della senatrice grillina, Felicia Gaudiano. Bene l’inizio di un dialogo col sottosegretario del ministero dello Sviluppo Economico, Alessandra Todde. Si apra al più presto un tavolo sulla vertenza e ci si confronti anche con i sindacati. Istituzioni e rappresentanti dei lavoratori lavorino insieme per evitare la delocalizzazione”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli

Squalo bianco

Il lato sinistro di Giuseppi

Lega Sud

Sorpresa il partito del Nord

Il ministro Fedriga