Asset strategici per combattere la crisi, un forum a Napoli

L’importanza di asset strategici e di adeguati modelli d’impresa è da mesi fondamentale, alla luce di una crisi economica galoppante che lascia dietro le aziende più deboli e meno avvertite sugli aspetti organizzativi. Questo tema sarà al centro di un nuovo forum dell’Odcec di Napoli presieduto da Eraldo Turi. Si svolgerà mercoledì 14 settembre alle ore 15.00 nella Sala Conferenze della sede dell’Ordine in piazza dei Martiri e il vertice dei commercialisti del capoluogo campano lo presenta così: “Dopo la pandemia siamo costretti ad affrontare le conseguenze dei rincari provocati dal conflitto russo-ucraino e in questa congiuntura il ruolo dei commercialisti a sostegno delle imprese appare sempre più complicato. Ma dalle difficoltà, molto spesso, nascono nuove opportunità che siamo pronti a cogliere con l’obiettivo primario di monitorare tutti gli alert che potrebbero far presagire uno stato sofferenza delle società e individuare soluzioni pragmatiche”.

“Le prescrizioni normative del nuovo codice della crisi di impresa – sottolinea Maria Caputo, consigliere segretario e delegata per la Crisi di Impresa per l’Ordine – devono essere lette come determinazioni per risollevare le imprese. Non è una equazione matematica che conduce necessariamente alla liquidazione giudiziale ma piuttosto un ‘set’ di strumenti utili per consentire alle imprese di uscire dalla momentanea difficoltà”.

Mentre Gianluca Battaglia, consigliere delegato per il Tribunale delle Imprese, anticipa che l’incontro prevederà una necessaria riflessione sulla possibile crisi d’impresa: “La corretta redazione dei bilanci, la regolare valutazione degli asset, soprattutto di quelli intangibili, il monitoraggio continuo e costante degli indicatori economico-finanziari, sono fondamentali per verificare e osservare lo stato di salute delle aziende e per diagnosticare eventuali situazioni di difficoltà in anticipo. Un ruolo, quindi, quello nostro, assolutamente fondamentale e imprescindibile per le aziende e per il sistema Italia”. Centrale, il ruolo degli esperti al servizio delle aziende. Francesco Orefice, presidente della commissione di Studio Controllo di Gestione, rileva che “avere a disposizione strumenti adeguati per la verifica degli assetti organizzativi è la chiave di volta per le imprese ma anche per i professionisti, che rivestono ruoli di amministratori e sindaci, per anticipare eventuali fenomeni di crisi che, se non vengono opportunamente valutati, possono diventare irreversibili”.

All’incontro, moderato da Pierluigi Di Micco, segretario delle Commissioni Strategie e Controllo, Consulenza Direzionale e Valutazione d’Azienda, interverranno Monica Franzese, presidente della Commissione Tribunale delle Imprese; Ciro Esposito, presidente Commissione Diritto della Crisi di Impresa; Immacolata Vasaturo, del Comitato Scientifico della Commissione Diritto della Crisi d’Impresa e Roberto Maglio, professore ordinario di Economia Aziendale dell’Università Federico II di Napoli e presidente della Commissione Consulenza Direzionale e Valutazione d’Azienda.

L’importanza di asset strategici e di adeguati modelli d’impresa è da mesi fondamentale, alla luce di una crisi economica galoppante che lascia dietro le aziende più deboli e meno avvertite sugli aspetti organizzativi. Questo tema sarà al centro di un nuovo forum dell’Odcec di Napoli presieduto da Eraldo Turi. Si svolgerà mercoledì 14 settembre alle ore 15.00 nella Sala Conferenze della sede dell’Ordine in piazza dei Martiri e il vertice dei commercialisti del capoluogo campano lo presenta così: “Dopo la pandemia siamo costretti ad affrontare le conseguenze dei rincari provocati dal conflitto russo-ucraino e in questa congiuntura il ruolo dei commercialisti a sostegno delle imprese appare sempre più complicato. Ma dalle difficoltà, molto spesso, nascono nuove opportunità che siamo pronti a cogliere con l’obiettivo primario di monitorare tutti gli alert che potrebbero far presagire uno stato sofferenza delle società e individuare soluzioni pragmatiche”.

“Le prescrizioni normative del nuovo codice della crisi di impresa – sottolinea Maria Caputo, consigliere segretario e delegata per la Crisi di Impresa per l’Ordine – devono essere lette come determinazioni per risollevare le imprese. Non è una equazione matematica che conduce necessariamente alla liquidazione giudiziale ma piuttosto un ‘set’ di strumenti utili per consentire alle imprese di uscire dalla momentanea difficoltà”.

Mentre Gianluca Battaglia, consigliere delegato per il Tribunale delle Imprese, anticipa che l’incontro prevederà una necessaria riflessione sulla possibile crisi d’impresa: “La corretta redazione dei bilanci, la regolare valutazione degli asset, soprattutto di quelli intangibili, il monitoraggio continuo e costante degli indicatori economico-finanziari, sono fondamentali per verificare e osservare lo stato di salute delle aziende e per diagnosticare eventuali situazioni di difficoltà in anticipo. Un ruolo, quindi, quello nostro, assolutamente fondamentale e imprescindibile per le aziende e per il sistema Italia”. Centrale, il ruolo degli esperti al servizio delle aziende. Francesco Orefice, presidente della commissione di Studio Controllo di Gestione, rileva che “avere a disposizione strumenti adeguati per la verifica degli assetti organizzativi è la chiave di volta per le imprese ma anche per i professionisti, che rivestono ruoli di amministratori e sindaci, per anticipare eventuali fenomeni di crisi che, se non vengono opportunamente valutati, possono diventare irreversibili”.

All’incontro, moderato da Pierluigi Di Micco, segretario delle Commissioni Strategie e Controllo, Consulenza Direzionale e Valutazione d’Azienda, interverranno Monica Franzese, presidente della Commissione Tribunale delle Imprese; Ciro Esposito, presidente Commissione Diritto della Crisi di Impresa; Immacolata Vasaturo, del Comitato Scientifico della Commissione Diritto della Crisi d’Impresa e Roberto Maglio, professore ordinario di Economia Aziendale dell’Università Federico II di Napoli e presidente della Commissione Consulenza Direzionale e Valutazione d’Azienda.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli