CINGOLANI: SULLE RINNOVABILI DOBBIAMO ACCELERARE

In merito alle energie rinnovabili “chiaramente ci sta molta ideologia: quando si dice che ci si possono rimpiazzare le fonti tradizionali in pochi anni, questo non è vero”. Lo ha dichiarato il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani in una intervista a Cnbc International. Questo in quanto “prevalentemente non sono fonti programmabili e non si possono accumulare. Ma possiamo accelerare il percorso verso la decarbonizzazione con nuovi impianti”.

“Ovviamente” con il conflitto in Ucraina e le sanzioni contro Mosca “ora abbiamo un problema e dobbiamo accelerare il più possibile la diversificazione delle fonti di gas”. In questo l’Italia ha una situazione in parte “favorevole perché è connessa con cinque diversi gasdotti. Il nostro piano è di rimpiazzare i due terzi del gas russo tramite gasdotti e il resto con nuovi rigassificatori” ha detto il ministro.

Infine Cingolani ha anche ammesso un errore che secondo lui è stato fatto sul gas naturale “penso che abbiamo sbagliato negli ultimi 20 anni focalizzandoci troppo sul gas importato” a discapito di quello prodotto internamente, “ma questa è una cosa su cui possiamo intervenire”.

In merito alle energie rinnovabili “chiaramente ci sta molta ideologia: quando si dice che ci si possono rimpiazzare le fonti tradizionali in pochi anni, questo non è vero”. Lo ha dichiarato il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani in una intervista a Cnbc International. Questo in quanto “prevalentemente non sono fonti programmabili e non si possono accumulare. Ma possiamo accelerare il percorso verso la decarbonizzazione con nuovi impianti”.

“Ovviamente” con il conflitto in Ucraina e le sanzioni contro Mosca “ora abbiamo un problema e dobbiamo accelerare il più possibile la diversificazione delle fonti di gas”. In questo l’Italia ha una situazione in parte “favorevole perché è connessa con cinque diversi gasdotti. Il nostro piano è di rimpiazzare i due terzi del gas russo tramite gasdotti e il resto con nuovi rigassificatori” ha detto il ministro.

Infine Cingolani ha anche ammesso un errore che secondo lui è stato fatto sul gas naturale “penso che abbiamo sbagliato negli ultimi 20 anni focalizzandoci troppo sul gas importato” a discapito di quello prodotto internamente, “ma questa è una cosa su cui possiamo intervenire”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli