Coronavirus, Gentiloni: “Regole UE tengono conto del cambiamento della situazione economica”

In merito alla crisi scaturita dalla diffusione del Covid-19, il Commissario Europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, ha detto: “Le nostre regole incorporano molti elementi che prevedono la possibilità di tenere conto del cambiamento della situazione economica, inclusa la possibilità per i governi di rispondere a eventi eccezionali, e valuteremo le richieste dei governi su queste basi, ovviamente con spirito di solidarietà e comprensioni in questi tempi non ordinari”. “Molti spillover fuori dalla Cina sono aumentati negli ultimi dieci giorni, cambiando il quadro. Sono stati toccati settori come turismo, trasporti e automotive, ma in generale – prosegue – sono le catene di approvvigionamento a essere in discussione e il tonfo delle importazioni dalla Cina sta avendo conseguenze a livello di mercato globale”. “Vediamo il materializzarsi dei rischi al ribasso. Il fatto che sia ancora troppo presto per misurare l’impatto – ha continuato Gentiloni – non significa che bisogna minimizzarlo. Io penso che l’idea di un rimbalzo dell’economia molto veloce non sia possibile”. Lo stesso Commissario, inoltre, ha reso nota la sua disponibilità a prendere provvedimenti in merito alla circostanza.
D.C.

 

In merito alla crisi scaturita dalla diffusione del Covid-19, il Commissario Europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, ha detto: “Le nostre regole incorporano molti elementi che prevedono la possibilità di tenere conto del cambiamento della situazione economica, inclusa la possibilità per i governi di rispondere a eventi eccezionali, e valuteremo le richieste dei governi su queste basi, ovviamente con spirito di solidarietà e comprensioni in questi tempi non ordinari”. “Molti spillover fuori dalla Cina sono aumentati negli ultimi dieci giorni, cambiando il quadro. Sono stati toccati settori come turismo, trasporti e automotive, ma in generale – prosegue – sono le catene di approvvigionamento a essere in discussione e il tonfo delle importazioni dalla Cina sta avendo conseguenze a livello di mercato globale”. “Vediamo il materializzarsi dei rischi al ribasso. Il fatto che sia ancora troppo presto per misurare l’impatto – ha continuato Gentiloni – non significa che bisogna minimizzarlo. Io penso che l’idea di un rimbalzo dell’economia molto veloce non sia possibile”. Lo stesso Commissario, inoltre, ha reso nota la sua disponibilità a prendere provvedimenti in merito alla circostanza.
D.C.

 

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli