Attualità

Fabrizio Saggio a Palazzo Chigi per il Piano Mattei che verrà: a gennaio la conferenza Italia-Africa

di Angelo Vitolo -


Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro degli Esteri Antonio Tajani, ha deliberato il passaggio di Fabrizio Saggio a Palazzo Chigi con l’incarico di consigliere diplomatico di Giorgia Meloni. La nomina, previo collocamento fuori ruolo del ministro plenipotenziario, riempie la casella lasciata vuota dal suo predecessore Francesco Talò, dimessosi dopo la clamorosa vicenda della telefonata dei due comici russi Vovan e Lexus girata da Palazzo Chigi alla premier agli inizi dello scorso mese.

Saggio, finora ambasciatore in Tunisia, è stato pure designato coordinatore della struttura di missione dell’atteso Piano Mattei. La nomina taglia corto con tutte le previsioni che nei giorni scorsi riferivano di una possibile poltrona per questo incarico da assegnare a qualcuno da scegliere nel personale in pensione della carriera diplomatica, come Luigi Mattiolo, Ettore Francesco Sequi o Giampiero Massolo.

La struttura costerà ogni anno, a partire dal 2024, oltre 2 milioni e 600mila euro. E affiancherà per quattro anni la cabina di regia del Piano, composta da Meloni e Tajani quali presidente e suo vice, dagli altri ministri, dal presidente della Conferenza delle regioni e delle province autonome e da Ice, Cassa depositi e prestiti e Sace. Un Piano il cui debutto ufficiale avverrà probabilmente a fine del prossimo mese, il 28 e 29 gennaio, con la conferenza Italia-Africa.

A inizio di novembre, ribaditi da Tajani i propositi: “la costruzione di un nuovo partenariato tra Italia e stati del continente africano, con ambiti di intervento che spaziano dalla cooperazione allo sviluppo all’approvvigionamento e sfruttamento sostenibile delle risorse naturali, idriche ed energetiche”.


Torna alle notizie in home