GIORGIA MELONI: LAVORATORI BASTONATI DAL GOVERNO

Per il governo “esiste solo chi vorrebbe lavorare e chi vorrebbe lavorare va bastonato. Chi invece delinque, chi non rispetta le regole, i criminali, quelli si fa finta di non vederli”. Dichiarazioni molto decise quelle di Giorgia Meloni. “Ora io non so se quello che muove queste scelte del ministro Lamorgese è l’ideologia o piuttosto l’incapacità. So che in entrambi i casi un ministro che ha fallito a 360 gradi dovrebbe prendere seriamente in considerazione l’ipotesi di dimettersi”, ha aggiunto.

La leader di Fratelli d’Italia ha proseguito: “continua l’emergenza insicurezza nelle nostre città. A Milano in sette giorni tre casi di stupro. Ieri Fdi su questo tema ha interrogato Lamorgese in Parlamento e il ministro, tanto per cambiare, non ha avuto risposte da dare sul tema. Dalle sue parole sembrava quasi che un’emergenza stupri non ci fosse, come per loro non è mai esistita un’emergenza immigrazione, come per loro non è mai esistita l’emergenza mafia nigeriana, come non è mai esistita quella degli spacciatori che continuavano a bivaccare in mezzo alla strada financo quando gli italiani erano costretti a stare chiusi dentro casa, per loro non esisteva neanche il problema dei maxi rave illegali quando invece le discoteche dovevano restare chiuse altrimenti si rischiava il contagio”.

Per il governo “esiste solo chi vorrebbe lavorare e chi vorrebbe lavorare va bastonato. Chi invece delinque, chi non rispetta le regole, i criminali, quelli si fa finta di non vederli”. Dichiarazioni molto decise quelle di Giorgia Meloni. “Ora io non so se quello che muove queste scelte del ministro Lamorgese è l’ideologia o piuttosto l’incapacità. So che in entrambi i casi un ministro che ha fallito a 360 gradi dovrebbe prendere seriamente in considerazione l’ipotesi di dimettersi”, ha aggiunto.

La leader di Fratelli d’Italia ha proseguito: “continua l’emergenza insicurezza nelle nostre città. A Milano in sette giorni tre casi di stupro. Ieri Fdi su questo tema ha interrogato Lamorgese in Parlamento e il ministro, tanto per cambiare, non ha avuto risposte da dare sul tema. Dalle sue parole sembrava quasi che un’emergenza stupri non ci fosse, come per loro non è mai esistita un’emergenza immigrazione, come per loro non è mai esistita l’emergenza mafia nigeriana, come non è mai esistita quella degli spacciatori che continuavano a bivaccare in mezzo alla strada financo quando gli italiani erano costretti a stare chiusi dentro casa, per loro non esisteva neanche il problema dei maxi rave illegali quando invece le discoteche dovevano restare chiuse altrimenti si rischiava il contagio”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli

Squalo bianco

Il lato sinistro di Giuseppi

Lega Sud

Sorpresa il partito del Nord

Il ministro Fedriga