La Russia accusa l’Onu: “Il rapporto sull’Ucraina è pieno di menzogne”

Una serie di bugie sulle azioni di Mosca. Così il diplomatico russo Evgeny Ustinov definisce il rapporto dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet sulla situazione in Ucraina. La posizione di Mosca è stata riportata dall’agenzia di informazione Tass. “Dobbiamo ammettere che l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha infine sminuito il suo ruolo trasformandolo in un semplice strumento al servizio di un particolare gruppo di stati”, sono state le parole di Ustinov alla cinquantesima sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra.

“Il tono e il contenuto del rapporto indicano che fa parte di una campagna di disinformazione contro la Russia, volta a diffondere menzogne, manipolare l’opinione pubblica, anche per giustificare le forniture di armi al regime di Kiev, che le usa contro i civili a Donetsk e nella Repubblica popolare di Lugansk”.

Una serie di bugie sulle azioni di Mosca. Così il diplomatico russo Evgeny Ustinov definisce il rapporto dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet sulla situazione in Ucraina. La posizione di Mosca è stata riportata dall’agenzia di informazione Tass. “Dobbiamo ammettere che l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha infine sminuito il suo ruolo trasformandolo in un semplice strumento al servizio di un particolare gruppo di stati”, sono state le parole di Ustinov alla cinquantesima sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra.

“Il tono e il contenuto del rapporto indicano che fa parte di una campagna di disinformazione contro la Russia, volta a diffondere menzogne, manipolare l’opinione pubblica, anche per giustificare le forniture di armi al regime di Kiev, che le usa contro i civili a Donetsk e nella Repubblica popolare di Lugansk”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli