Leonardo, Profumo: il business è solido

 

L’ amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, ha quest’oggi analizzato i conti dei primi 9 mesi dell’anno: “I risultati nel terzo trimestre confermano la solidità del business attuale e prospettica, con ordini in crescita del 26,8%* e con un portafoglio pari a 2,5 anni di produzione equivalente. Il business difesa/governativo si conferma solido, con crescenti opportunità nazionali e internazionali. Per le Aerostrutture  intravediamo una graduale ripresa. Al contempo l`azienda sta gestendo gli effetti derivanti dalle pressioni dell’inflazione, della catena di fornitura e delle altre sfide dell`attuale scenario esterno. L`ottimo momento commerciale ci consente di cogliere opportunità i cui effetti si protrarranno nel corso del 2022, consentendoci di rivedere al rialzo la Guidance sugli ordini da circa 15 miliardi ad oltre 16 miliardi, di ridurre l`indebitamento netto da 3,1 a 3 miliardi, grazie alla generazione di cassa ed incluse le operazioni straordinarie, e di incrementare leggermente le aspettative sul FOCF di fine anno, confermando i circa 500 milioni di euro attesi nonostante le variazioni di perimetro”.

Profumo ha poi terminato: “In questi mesi abbiamo anche fatto importanti passi avanti nella realizzazione dell`operazione DRS-RADA, volta a rinforzare il core business di Leonardo DRS nei sensori e nei sistemi integrati nei segmenti in rapida crescita del budget della difesa statunitense e derivanti degli attuali requisiti globali nel campo della difesa. Abbiamo inoltre rafforzato la strategia di decarbonizzazione impegnandoci ufficialmente nell`iniziativa Science Based Targets (SBTi). Tutto ciò ci rende fiduciosi nella capacità di creazione di valore di medio-lungo periodo a vantaggio di tutti i nostri stakeholder”.

 

L’ amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, ha quest’oggi analizzato i conti dei primi 9 mesi dell’anno: “I risultati nel terzo trimestre confermano la solidità del business attuale e prospettica, con ordini in crescita del 26,8%* e con un portafoglio pari a 2,5 anni di produzione equivalente. Il business difesa/governativo si conferma solido, con crescenti opportunità nazionali e internazionali. Per le Aerostrutture  intravediamo una graduale ripresa. Al contempo l`azienda sta gestendo gli effetti derivanti dalle pressioni dell’inflazione, della catena di fornitura e delle altre sfide dell`attuale scenario esterno. L`ottimo momento commerciale ci consente di cogliere opportunità i cui effetti si protrarranno nel corso del 2022, consentendoci di rivedere al rialzo la Guidance sugli ordini da circa 15 miliardi ad oltre 16 miliardi, di ridurre l`indebitamento netto da 3,1 a 3 miliardi, grazie alla generazione di cassa ed incluse le operazioni straordinarie, e di incrementare leggermente le aspettative sul FOCF di fine anno, confermando i circa 500 milioni di euro attesi nonostante le variazioni di perimetro”.

Profumo ha poi terminato: “In questi mesi abbiamo anche fatto importanti passi avanti nella realizzazione dell`operazione DRS-RADA, volta a rinforzare il core business di Leonardo DRS nei sensori e nei sistemi integrati nei segmenti in rapida crescita del budget della difesa statunitense e derivanti degli attuali requisiti globali nel campo della difesa. Abbiamo inoltre rafforzato la strategia di decarbonizzazione impegnandoci ufficialmente nell`iniziativa Science Based Targets (SBTi). Tutto ciò ci rende fiduciosi nella capacità di creazione di valore di medio-lungo periodo a vantaggio di tutti i nostri stakeholder”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli