Pensioni, Bonomi: daremo nostro contributo

 

In un intervista rilasciata a  Radio Rai 1, il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi ha dichiarato: “Credo che sulle pensioni si possa aprire un discorso molto serio sui lavori usuranti, sulle scadenze di fine anno, sulle persone fragili, ma fare battaglie identitarie non è il momento. Capisco la legittima aspirazione dei partiti che vogliono rispondere al loro elettorato ma ci sarà tempo e modo e, se vogliono, daremo anche il nostro contributo.
Oggi le risorse che abbiamo le dobbiamo concentrare sulle emergenze del Paese. Se vogliamo fare un intervento che si chiami Quota 101, Quota 102, che non metta in crisi i conti dell’Inps vuol dire ridurre strutturalmente l’importo della pensione e credo che oggi nessuno possa accettare di poter ricevere una pensione decurtata”.

 

In un intervista rilasciata a  Radio Rai 1, il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi ha dichiarato: “Credo che sulle pensioni si possa aprire un discorso molto serio sui lavori usuranti, sulle scadenze di fine anno, sulle persone fragili, ma fare battaglie identitarie non è il momento. Capisco la legittima aspirazione dei partiti che vogliono rispondere al loro elettorato ma ci sarà tempo e modo e, se vogliono, daremo anche il nostro contributo.
Oggi le risorse che abbiamo le dobbiamo concentrare sulle emergenze del Paese. Se vogliamo fare un intervento che si chiami Quota 101, Quota 102, che non metta in crisi i conti dell’Inps vuol dire ridurre strutturalmente l’importo della pensione e credo che oggi nessuno possa accettare di poter ricevere una pensione decurtata”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli