Sbarra: Governo deve concentrarsi su emergenze sociali

 

In occasione del Consiglio Generale della Cisl Asse del Po in quel di Cremona, il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra ha dichiarato:  “Abbiamo chiesto, ieri sera, unitariamente un incontro al premier Meloni per discutere sui provvedimenti urgenti che il Governo deve assumere per affrontare una situazione economica, sociale, produttiva ed occupazionale difficile ed inedita, ed anche in vista della legge di bilancio. Il Governo deve concentrarsi sulle vere emergenze sociali, che mettono a rischio la qualità della vita di milioni di lavoratori, famiglie, pensionati e di migliaia di imprese. Siamo sulla soglia di una nuova recessione. Lo diremo domani alla ministra del lavoro, Calderone nell`incontro che avremo insieme alla altre parti sociali. Bisogna aumentare salari , stipendi e pensioni , contrastare il caro bollette , mettere sotto controllo i prezzi e tariffe , combattere la speculazione, garantire ammortizzatori sociali a tutti i lavoratori dei settori a rischio, difendere l`occupazione , rinnovare i contratti pubblici e privati, fermare la strage nei luoghi di lavoro. Va operato un forte taglio delle tasse per i redditi da lavoro e pensione e va avviato il tavolo sulla riforma delle pensioni prima della fine dell`anno, in modo da restituire al sistema previdenziale flessibilita`, equità, stabilità, inclusione per giovani e donne”.

 

In occasione del Consiglio Generale della Cisl Asse del Po in quel di Cremona, il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra ha dichiarato:  “Abbiamo chiesto, ieri sera, unitariamente un incontro al premier Meloni per discutere sui provvedimenti urgenti che il Governo deve assumere per affrontare una situazione economica, sociale, produttiva ed occupazionale difficile ed inedita, ed anche in vista della legge di bilancio. Il Governo deve concentrarsi sulle vere emergenze sociali, che mettono a rischio la qualità della vita di milioni di lavoratori, famiglie, pensionati e di migliaia di imprese. Siamo sulla soglia di una nuova recessione. Lo diremo domani alla ministra del lavoro, Calderone nell`incontro che avremo insieme alla altre parti sociali. Bisogna aumentare salari , stipendi e pensioni , contrastare il caro bollette , mettere sotto controllo i prezzi e tariffe , combattere la speculazione, garantire ammortizzatori sociali a tutti i lavoratori dei settori a rischio, difendere l`occupazione , rinnovare i contratti pubblici e privati, fermare la strage nei luoghi di lavoro. Va operato un forte taglio delle tasse per i redditi da lavoro e pensione e va avviato il tavolo sulla riforma delle pensioni prima della fine dell`anno, in modo da restituire al sistema previdenziale flessibilita`, equità, stabilità, inclusione per giovani e donne”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli