Sport, Sarri: con Feyenoord partita difficile, sugli arbitri confermo la mia posizione

“L’ambizione è una, senza pensare al lungo periodo. Il primo è il passaggio del turno evitando i playoff visto che mi sembrano molto insidiosi con le squadre che scendono dalla Champions”. Queste alcune delle parole di Maurizio Sarri prima dell’ esordio in Europa League contro gli olandesi del Feyenoord.
“La gara di domani è importantissima sulla carta, in Europa le partite sono tutte di grandi difficoltà. Il Feyenood ha buone qualità tecniche, di palleggio, è pericoloso, dietro Danilo che è forte tecnicamente giocano con tre trequartisti di piede sinistro di ottimo livello. Ha fatto una finale europea, è ripartita benissimo, sono a un passo dall’Ajax in campionato. Fanno bene da tempo” ha dichiarato Sarri.

Il tecnico è poi tornato sulle parole rivolte agli arbitri dopo il match con il Napoli: “Quello che è successo in queste partite lo hanno visto tutti, io come responsabile ho l’obbligo di difendere i miei giocatori, la società e il popolo laziale. Lo rifarei tutta la vita, avrà del lavoro il mio avvocato. Però parliamo di Europa, meglio cambiare argomento”.

“L’ambizione è una, senza pensare al lungo periodo. Il primo è il passaggio del turno evitando i playoff visto che mi sembrano molto insidiosi con le squadre che scendono dalla Champions”. Queste alcune delle parole di Maurizio Sarri prima dell’ esordio in Europa League contro gli olandesi del Feyenoord.
“La gara di domani è importantissima sulla carta, in Europa le partite sono tutte di grandi difficoltà. Il Feyenood ha buone qualità tecniche, di palleggio, è pericoloso, dietro Danilo che è forte tecnicamente giocano con tre trequartisti di piede sinistro di ottimo livello. Ha fatto una finale europea, è ripartita benissimo, sono a un passo dall’Ajax in campionato. Fanno bene da tempo” ha dichiarato Sarri.

Il tecnico è poi tornato sulle parole rivolte agli arbitri dopo il match con il Napoli: “Quello che è successo in queste partite lo hanno visto tutti, io come responsabile ho l’obbligo di difendere i miei giocatori, la società e il popolo laziale. Lo rifarei tutta la vita, avrà del lavoro il mio avvocato. Però parliamo di Europa, meglio cambiare argomento”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli