Usa e Regno Unito inviano altre armi a Kiev, compresi lancia razzi a lunga gittata

Biden: “Ancora aiuti militari per un totale di un miliardo di dollari”

Zelensky chiede e Biden esaudisce. Il presidente Usa ha parlato con il suo omologo ucraino e lo ha informato che gli Stati Uniti forniranno un altro miliardo di dollari in assistenza di sicurezza, inclusa artiglieria e altri armi di difesa, ma anche munizioni e sistemi missilistici avanzati di cui Kiev ha bisogno. Lo rende noto la Casa Bianca. “Restiamo impegnati a sostenere il popolo ucraino. Oggi annuncio anche ulteriori 225 milioni in assistenza umanitaria per aiutare la popolazione del Paese”, afferma Biden durante il colloquio con Zelensky, spiegando che i fondi andranno alle forniture di acqua potabile e di medicinali, ma anche contanti per le famiglie per acquistare i beni essenziali.

Ma non solo gli Stati Uniti, anche il Regno Unito è in prima linea nella fornitura di armamenti all’Ucraina. E’ “imminente” l’invio da parte del Regno Unito di lanciarazzi a lunga gittata del tipo Gmlrs alle forze armate di Kiev. Lo ha annunciato oggi a Oslo, nel corso di un incontro della Joint Expeditionary Force (l’alleanza nordica guidata da Londra) il ministro della Difesa britannico, Ben Wallace, a fronte delle difficoltà che stanno incontrando le truppe ucraine nel respingere l’offensiva russa nel Donbass. Nelle ultime settimane Kiev ha ripetutamente invitato i suoi alleati a fornire armi più pesanti, in particolare per contrastare l’artiglieria di Mosca. La fornitura britannica dei lanciarazzi Gmlrs, capaci di superare i sistemi d’arma russi in potenza, velocità di spostamento e gittata, era stata promessa il 6 giugno scorso, e seguiva la decisione presa in merito dagli Usa. Wallace ha detto nuovamente che Londra sta pensando anche all’invio di sistemi Harpoon, missili anti-nave a lunga gittata per colpire la flotta russa nel Mar Nero.

Biden: “Ancora aiuti militari per un totale di un miliardo di dollari”

Zelensky chiede e Biden esaudisce. Il presidente Usa ha parlato con il suo omologo ucraino e lo ha informato che gli Stati Uniti forniranno un altro miliardo di dollari in assistenza di sicurezza, inclusa artiglieria e altri armi di difesa, ma anche munizioni e sistemi missilistici avanzati di cui Kiev ha bisogno. Lo rende noto la Casa Bianca. “Restiamo impegnati a sostenere il popolo ucraino. Oggi annuncio anche ulteriori 225 milioni in assistenza umanitaria per aiutare la popolazione del Paese”, afferma Biden durante il colloquio con Zelensky, spiegando che i fondi andranno alle forniture di acqua potabile e di medicinali, ma anche contanti per le famiglie per acquistare i beni essenziali.

Ma non solo gli Stati Uniti, anche il Regno Unito è in prima linea nella fornitura di armamenti all’Ucraina. E’ “imminente” l’invio da parte del Regno Unito di lanciarazzi a lunga gittata del tipo Gmlrs alle forze armate di Kiev. Lo ha annunciato oggi a Oslo, nel corso di un incontro della Joint Expeditionary Force (l’alleanza nordica guidata da Londra) il ministro della Difesa britannico, Ben Wallace, a fronte delle difficoltà che stanno incontrando le truppe ucraine nel respingere l’offensiva russa nel Donbass. Nelle ultime settimane Kiev ha ripetutamente invitato i suoi alleati a fornire armi più pesanti, in particolare per contrastare l’artiglieria di Mosca. La fornitura britannica dei lanciarazzi Gmlrs, capaci di superare i sistemi d’arma russi in potenza, velocità di spostamento e gittata, era stata promessa il 6 giugno scorso, e seguiva la decisione presa in merito dagli Usa. Wallace ha detto nuovamente che Londra sta pensando anche all’invio di sistemi Harpoon, missili anti-nave a lunga gittata per colpire la flotta russa nel Mar Nero.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli