Venezia, Zaia: grave l’abusivismo nel turismo

A seguito della scoperta di 31 strutture turistiche abusive in quel di Venezia, è intervenuto il  presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, dichiarando: “Avere un’economia, specie quella turistica, non drogata è un requisito essenziale per dare una mano a chi lavora rispettando la legge, togliendo di mezzo la concorrenza sleale. Quella della Guardia di Finanza e della Polizia Locale di Venezia è un’operazione di importante significato, che va anche oltre il numero di strutture ricettive abusive scovate. L’abusivismo è una piaga ovunque si palesi ma nel caso del turismo è ancora più grave. Si ha notizia di camere ricavate all’interno di magazzini, garage e ripostigli, con condizioni igienico-sanitarie precarie e in alcuni casi carenti. Quale idea possono essersi fatti i turisti finiti in queste situazioni della nostra offerta turistica? Di sicuro pessima e certamente pessimo sarà il loro ricordo della vacanza. Già così il danno è grave”.

A seguito della scoperta di 31 strutture turistiche abusive in quel di Venezia, è intervenuto il  presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, dichiarando: “Avere un’economia, specie quella turistica, non drogata è un requisito essenziale per dare una mano a chi lavora rispettando la legge, togliendo di mezzo la concorrenza sleale. Quella della Guardia di Finanza e della Polizia Locale di Venezia è un’operazione di importante significato, che va anche oltre il numero di strutture ricettive abusive scovate. L’abusivismo è una piaga ovunque si palesi ma nel caso del turismo è ancora più grave. Si ha notizia di camere ricavate all’interno di magazzini, garage e ripostigli, con condizioni igienico-sanitarie precarie e in alcuni casi carenti. Quale idea possono essersi fatti i turisti finiti in queste situazioni della nostra offerta turistica? Di sicuro pessima e certamente pessimo sarà il loro ricordo della vacanza. Già così il danno è grave”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli