SPESE MILITARI, MULÈ: CINQUE STELLE IRRESPONSABILI, NUMERI A CASO

“Raccontare falsità sulle spese militari e dare numeri a caso, come se il M5s stesse giocando a tombola, è un atto di grande irresponsabilità verso l`Italia e la proiezione che il paese stesso ha nel mondo”.  Questo il messaggio principale del discorso odierno di Giorgio Mulè.

Il sottosegretario di Forza Italia alla Difesa ha evidenziato “I numeri sono i migliori amici della verità e i peggiori nemici della menzogna. Inoltre, non è vero che nel decreto Ucraina si parli di aumentare le spese militari così come del 2 per cento da destinare alla Difesa. C`è anche un`altra cosa sulla quale è importante fare chiarezza: le spese militari aumenteranno in rapporto alla crescita del Pil e l`impegno a raggiungere il 2 per cento non è immediato ma graduale.
L`obiettivo del 2 per cento del Pil entro il 2028 non è la notizia dell`ultima ora annunciata dal Ministro Guerini e che i cinque stelle vorrebbero sbandierare come una vittoria. Lo stesso Guerini lo aveva già detto a novembre del 2019. Ciò è stato ripetuto nel tempo in ogni modo possibile ed è anche scritto nel documento programmatico pluriennale della Difesa”.

“Raccontare falsità sulle spese militari e dare numeri a caso, come se il M5s stesse giocando a tombola, è un atto di grande irresponsabilità verso l`Italia e la proiezione che il paese stesso ha nel mondo”.  Questo il messaggio principale del discorso odierno di Giorgio Mulè.

Il sottosegretario di Forza Italia alla Difesa ha evidenziato “I numeri sono i migliori amici della verità e i peggiori nemici della menzogna. Inoltre, non è vero che nel decreto Ucraina si parli di aumentare le spese militari così come del 2 per cento da destinare alla Difesa. C`è anche un`altra cosa sulla quale è importante fare chiarezza: le spese militari aumenteranno in rapporto alla crescita del Pil e l`impegno a raggiungere il 2 per cento non è immediato ma graduale.
L`obiettivo del 2 per cento del Pil entro il 2028 non è la notizia dell`ultima ora annunciata dal Ministro Guerini e che i cinque stelle vorrebbero sbandierare come una vittoria. Lo stesso Guerini lo aveva già detto a novembre del 2019. Ciò è stato ripetuto nel tempo in ogni modo possibile ed è anche scritto nel documento programmatico pluriennale della Difesa”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli