Nuovo incidente in monopattino a Roma. È allarme

Tor bella monaca, auto contro monopattino: 15enne in codice rosso al Bambin Gesù. L’incidente ieri pomeriggio. Incidente stradale nel pomeriggio di martedì a Tor Bella Monaca dove si sono scontrati un’auto ed un monopattino, alla cui guida c’era il minorenne. L’intervento degli agenti del VI gruppo Torri della polizia locale di Roma Capitale intorno alle 15:30 del 15 febbraio in viale di Tor Bella Monaca. A scontrarsi per cause ancora al vaglio dei caschi bianchi il mezzo elettrico condotto da un 15enne di nazionalità filippina ed una Fiat Panda. Rimasto ferito l’adolescente è stato trasportato dall’ambulanza del 118 all’ospedale Bambino Gesù, ma non sarebbe in pericolo di vita. Svolti i rilievi scientifici gli agenti della municipale stanno terminando gli accertamenti per ricostruire la dinamica del sinistro. “Non ho mai visto un’incidenza del genere, siamo passati da zero a almeno un nuovo caso a settimana”, denuncia sui monopattini di Emiliano Cingolani, rianimatore 51enne e direttore dell’unità Shock e Trauma del dipartimento di emergenza del San Camillo. “Abbiamo dovuto inserire una nuova tipologia di traumi, quelli da monopattino – dice il rianimatore -. Parlo di lesioni craniche gravissime, e senza alcun tipo di protezione, come non eravamo più abituati a vedere”. “E sono tutti giovanissimi”, sottolinea il medico. Solo nelle ultime due settimane, stando a quanto riporta Repubblica, il San Camillo ha accolto ben 4 casi “tanto gravi da rimanermi impressi” (secondo il medico). In uno di questi casi, un ragazzo ha lottato per lunghi giorni tra la vita alla morte, riuscendo ad essere dimesso solo due giorni fa. Un altro incidente con protagonisti i monopattini ha lasciato un poco più che maggiorenne in terapia intensiva. La dinamica degli incidenti in monopattino ha per protagonisti quasi sempre giovanissimi che spericolati si barcamenano nel traffico ma finiscono spesso coinvolti in impatti in cui la caduta, laterale, li trova con le mani ancora attaccate al manubrio, senza poter proteggere la testa. Il San Camillo quest’anno già ha registrato 1000 casi contro i 600 del 2016.

Tor bella monaca, auto contro monopattino: 15enne in codice rosso al Bambin Gesù. L’incidente ieri pomeriggio. Incidente stradale nel pomeriggio di martedì a Tor Bella Monaca dove si sono scontrati un’auto ed un monopattino, alla cui guida c’era il minorenne. L’intervento degli agenti del VI gruppo Torri della polizia locale di Roma Capitale intorno alle 15:30 del 15 febbraio in viale di Tor Bella Monaca. A scontrarsi per cause ancora al vaglio dei caschi bianchi il mezzo elettrico condotto da un 15enne di nazionalità filippina ed una Fiat Panda. Rimasto ferito l’adolescente è stato trasportato dall’ambulanza del 118 all’ospedale Bambino Gesù, ma non sarebbe in pericolo di vita. Svolti i rilievi scientifici gli agenti della municipale stanno terminando gli accertamenti per ricostruire la dinamica del sinistro. “Non ho mai visto un’incidenza del genere, siamo passati da zero a almeno un nuovo caso a settimana”, denuncia sui monopattini di Emiliano Cingolani, rianimatore 51enne e direttore dell’unità Shock e Trauma del dipartimento di emergenza del San Camillo. “Abbiamo dovuto inserire una nuova tipologia di traumi, quelli da monopattino – dice il rianimatore -. Parlo di lesioni craniche gravissime, e senza alcun tipo di protezione, come non eravamo più abituati a vedere”. “E sono tutti giovanissimi”, sottolinea il medico. Solo nelle ultime due settimane, stando a quanto riporta Repubblica, il San Camillo ha accolto ben 4 casi “tanto gravi da rimanermi impressi” (secondo il medico). In uno di questi casi, un ragazzo ha lottato per lunghi giorni tra la vita alla morte, riuscendo ad essere dimesso solo due giorni fa. Un altro incidente con protagonisti i monopattini ha lasciato un poco più che maggiorenne in terapia intensiva. La dinamica degli incidenti in monopattino ha per protagonisti quasi sempre giovanissimi che spericolati si barcamenano nel traffico ma finiscono spesso coinvolti in impatti in cui la caduta, laterale, li trova con le mani ancora attaccate al manubrio, senza poter proteggere la testa. Il San Camillo quest’anno già ha registrato 1000 casi contro i 600 del 2016.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli