Superbonus, la CNA critica sulle ipotesi di trasformare i crediti fiscali in finanziamenti con garanzia pubblica

Superbonus, la CNA apprezza l’impegno di Governo e Parlamento “ma il grave problema dei crediti fiscali che mette a rischio la vita di molte imprese richiede un intervento urgente e straordinario da parte dello Stato”.

“Non sembra una soluzione efficace – rileva l’associazione –  l’ipotesi di trasformare i crediti fiscali in finanziamenti assistiti con garanzia pubblica per svuotare i cassetti fiscali delle migliaia di imprese che hanno riconosciuto lo sconto in fattura per i bonus all’edilizia”.

In attesa di conoscere la proposta nei dettagli, la Confederazione evidenzia che “le imprese dovrebbero attivare nuovi finanziamenti (sempre a discrezione dell’istituto di credito) con relativi costi e con l’effetto di appesantire gli indici di affidabilità creditizia. Servirebbe una sorta di bilanciamento automatico a costo zero tra utilizzo del credito fiscale e oneri del prestito bancario”.

“Il blocco della cessione dei crediti – prosegue la nota – registra i rischi per le piccole imprese, da noi già evidenziati, prodotti dallo sconto in fattura. Un meccanismo che è diventata la conditio sine qua non per restare sul mercato dei lavori incentivati, obbligando le imprese della filiera delle costruzioni ad anticipare per conto dello Stato risorse a beneficio dei clienti che poi dovrebbero recuperare in 5-10 anni, magari senza avere la necessaria capienza fiscale”.

E infine CNA rimarca una sua recente indagine che “mostra come quasi 50mila imprese non riescono a smobilizzare i crediti accumulati che per il 75% hanno una giacenza superiore a 5 mesi con inevitabili tensioni sulla liquidità mettendone a rischio la sopravvivenza. E si tratta di micro e piccole imprese”.

Superbonus, la CNA apprezza l’impegno di Governo e Parlamento “ma il grave problema dei crediti fiscali che mette a rischio la vita di molte imprese richiede un intervento urgente e straordinario da parte dello Stato”.

“Non sembra una soluzione efficace – rileva l’associazione –  l’ipotesi di trasformare i crediti fiscali in finanziamenti assistiti con garanzia pubblica per svuotare i cassetti fiscali delle migliaia di imprese che hanno riconosciuto lo sconto in fattura per i bonus all’edilizia”.

In attesa di conoscere la proposta nei dettagli, la Confederazione evidenzia che “le imprese dovrebbero attivare nuovi finanziamenti (sempre a discrezione dell’istituto di credito) con relativi costi e con l’effetto di appesantire gli indici di affidabilità creditizia. Servirebbe una sorta di bilanciamento automatico a costo zero tra utilizzo del credito fiscale e oneri del prestito bancario”.

“Il blocco della cessione dei crediti – prosegue la nota – registra i rischi per le piccole imprese, da noi già evidenziati, prodotti dallo sconto in fattura. Un meccanismo che è diventata la conditio sine qua non per restare sul mercato dei lavori incentivati, obbligando le imprese della filiera delle costruzioni ad anticipare per conto dello Stato risorse a beneficio dei clienti che poi dovrebbero recuperare in 5-10 anni, magari senza avere la necessaria capienza fiscale”.

E infine CNA rimarca una sua recente indagine che “mostra come quasi 50mila imprese non riescono a smobilizzare i crediti accumulati che per il 75% hanno una giacenza superiore a 5 mesi con inevitabili tensioni sulla liquidità mettendone a rischio la sopravvivenza. E si tratta di micro e piccole imprese”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli