Terra dei fuochi, raffica di sanzioni

Raffica di sanzioni nella Terra dei Fuochi: comminate multe per un totale complessivo che sfiora i 430mila euro, sanzionate sei attività commerciali tra il Casertano e la provincia nord di Napoli. Le operazioni di controllo, a cui hanno partecipato, tra gli altri, i militari dell’Esercito e gli agenti delle polizie locali, si sono svolte tra l’8 e il 9 giugno scorsi. Nell’area dei comuni di Santa Maria Capua Vetere, San Prisco, Curti e Casapulla, in provincia di Caserta, sono state identificate dieci persone e controllate quattro attività commerciali, di cui due sono finite sotto sequestro. Sono state irrogamente sanzioni amministrative per 142.782,00 euro. Nei Comuni di Afragola, Casoria e Casavatore, nell’area metropolitana di Napoli, sono state controllate sette attività. Di queste, quattro sono state sequestrate. Sono state identificate nove persone e quattro sono state denunciate. Infine sono state elevate sanzioni per un totale quantificato in circa 291mila euro. Ma non è tutto, perché i controlli si sono estesi ieri all’area di Casalnuovo di Napoli. Qui la polizia municipale ha scoperto un’area in cui erano state abbandonate carcasse di auto e sacchi pieni di rifiuti inerti, pneumatici, pezzi di ricambio e altri scarti plastici e metallici. La zona è stata sequestrata. Proseguono dunque, senza sosta, i controlli interforze per contrastare i reati ambientali.

Raffica di sanzioni nella Terra dei Fuochi: comminate multe per un totale complessivo che sfiora i 430mila euro, sanzionate sei attività commerciali tra il Casertano e la provincia nord di Napoli. Le operazioni di controllo, a cui hanno partecipato, tra gli altri, i militari dell’Esercito e gli agenti delle polizie locali, si sono svolte tra l’8 e il 9 giugno scorsi. Nell’area dei comuni di Santa Maria Capua Vetere, San Prisco, Curti e Casapulla, in provincia di Caserta, sono state identificate dieci persone e controllate quattro attività commerciali, di cui due sono finite sotto sequestro. Sono state irrogamente sanzioni amministrative per 142.782,00 euro. Nei Comuni di Afragola, Casoria e Casavatore, nell’area metropolitana di Napoli, sono state controllate sette attività. Di queste, quattro sono state sequestrate. Sono state identificate nove persone e quattro sono state denunciate. Infine sono state elevate sanzioni per un totale quantificato in circa 291mila euro. Ma non è tutto, perché i controlli si sono estesi ieri all’area di Casalnuovo di Napoli. Qui la polizia municipale ha scoperto un’area in cui erano state abbandonate carcasse di auto e sacchi pieni di rifiuti inerti, pneumatici, pezzi di ricambio e altri scarti plastici e metallici. La zona è stata sequestrata. Proseguono dunque, senza sosta, i controlli interforze per contrastare i reati ambientali.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli

Il lato sinistro di Giuseppi

Lega Sud

Sorpresa il partito del Nord

Il ministro Fedriga

Scacchiere del potere