Attualità

La “fabbrica dei bambini” – Armageddon: la “formica” Barbara, il “Salvavidas” Alvaro e gli altri

di Angelo Vitale -


La “fabbrica dei bambini” – Armageddon: la “formica” Barbara, la maga voodoo, il “Salvavidas” Alvaro, la regia della Matriarca e l’aiuto di Isabel

Nella vicenda della “fabbrica dei bambini” siamo al via di un Armageddon ove ciascuno dei protagonisti va ad assumere un proprio ruolo. In attesa di provare a illustrarvi i legami, più o meno stabili, pseudo-religiosi (magari con una ‘mamacita Italia’, ndr) e ‘laici’ di questo sistema locale con il nostro Paese, siamo prossimi ad un giudicato di secondo grado in Brasile, nullo perché contrario ai principi fondamentali del nostro ordinamento giuridico, per violazione di tutti i basilari principi tra i quali quelli del giusto processo, della prova contraria e del contraddittorio, privando del tutto Bevilacqua di un primo grado.

Un giudicato che, nello Stato di Santa Catarina, appare predeterminato come in una operazione “fotocopia del primo grado” , che fa venir meno una qualsiasi presunzione di buona fede, verso la “consacrazione” dell’unica “pseudo prova”. Fu considerata valida – L’identità lo ha scritto – solo perché richiesta da un Bevilacqua “circuito”, su indicazione dei suoi ex avvocati di fiducia poi revocati (quelli inquilini di Barbara, ndr) e caratterizzata da un esame del Dna fatto da un laboratorio, Genomic Sao Paulo, (che poi si scoprirà non avere alcun laboratorio al suo interno, ndr) e con una certificazione finale del Dna assolutamente nulla (dopo l’accertamento di un team di super-consulenti ingaggiati da Bevilacqua) perché priva di tutti i requisiti – richiesti dalle linee guida internazionali – per potersi definire tale.

Ad essa – per non farci mancare nulla – viene data efficacia probatoria addirittura “assoluta” (“iuris et de iure”, ndr). Dunque, senza possibilità di prova contraria, sia dal Promotore di Giustizia Osvaldo Juvencio Cioffi Junior

Foto del promotor de justiça Osvaldo Juvêncio Cioffi Junior

già indicato nei precedenti articoli – ma pure adesso, in maniera inspiegabile, dalla Procuratrice di secondo grado Lenir Roslindo Piffer che avrebbe potuto e dovuto intervenire per stabilire la verità con trasparenza (per una giustizia anche nei confronti dei minori che si sostiene di tutelare, ndr).

Foto Procuradora de Justiça Lenir Roslindo Piffer

Un meccanismo di “giustizia” a tempi di record, meno di 15 mesi per due gradi di giudizio – fa notare Bevilacqua – non solo per un Paese latinoamericano, come il Brasile, ma anche per il più efficiente dei sistemi giuridici, ottenuto solo privando di tutte le garanzie processuali una delle parti e concentrandosi prioritariamente ad ottenere un “giudicato” pronto da “concambiare” rapidamente, attraverso una “validazione” in Italia – afferma Bevilacqua “come il cambio in banca tra una banconota falsa ed una buona”. Sembrerebbe che questo tipo di sentenza sia ‘formata’ appositamente per essere introdotta in Italia, con la speranza di portarla “all’incasso”, più’ che per un uso e consumo locale.

Un passaggio che – appare chiaro – è di “portata internazionale”, travalicando il caso specifico, e sicuramente meritevole di opportune verifiche, anche ministeriali, specie per una prassi suscettibile di “rappresentare una crepa nel nostro ordinamento giudiziario”.

Bevilacqua comincia a comprendere dunque “qualcosa di strano”, è consapevole di un possibile “normale tradimento” e di un conseguente, sicuramente meno onesto, tentativo di attribuzione di “un figlio derivato da un’altra relazione sentimentale”. Gli cominciano a pervenire, in forma anonima, i primi di una serie di documenti, informative e comunicazioni che lo indurranno a incaricare il criminalista, Advogado Edson Ribeiro, per i riscontri investigativi, in molteplici Stati del Brasile, sui fatti narrati e le persone in causa.

Foto Advogado Edson Ribeiro

Prende il via un’indagine sul territorio che darà riscontri e, ex post, assicurerà valenza probatoria a questi documenti, inizialmente solo indiziari, oltre che credibilità alle informative. E’ un vaso di Pandora “che squarcia un cielo di una realtà difficile a credersi”, afferma, e che necessiterà di più di 18 mesi per verificare una triste, ben occultata e ‘protetta’ realtà che inizialmente sembrava un’ipotesi vicina all’irrealtà.

Bevilacqua – lo ricorda oggi – è disperato dopo essere stato allontanato, senza nessuna credibile motivazione che non fosse quella dell’ecografia del 16 dicembre 2021 che faceva evincere un feto con caratteristiche sospette quanto ai “tempi” dichiarati dall’italobrasiliana al “presunto” terzo mese di gravidanza. Finora non ha avuto modo di visionare né ricevere alcun documento clinico, men che meno ecografie, relative alla gestazione. E nemmeno notizie sul “presunto” parto (al contrario – fa notare- richieste di elargizioni di denaro prive di giustificativi, ndr). A questo punto, riceve alcuni documenti che mostrano una realtà che lo devasta.

Foto profilo chat di gruppo Whatsapp I tre cuori di Isabel

Foto primo piano chat di gruppo I tre cuori di Isabel – ‘Formica’ Barbara, la maga, Alvaro ‘Salvavidas’

La prima di molteplici chat Whatsapp di gruppo mostra nella foto di profilo tre persone nel quadro di un evento probabilmente fieristico. La lingua usata nelle conversazioni con gli “amici” (non solo in questa, ndr) è lo spagnolo. Un po’ perché tutti lo parlano – alcuni di origine andina o centroamericana – e un po’ per creare una sorta di “linguaggio in codice”. Il nome della chat è già significativo: “I tre cuori di Isabel”. Significativo, perché la maga identificata dall’advogado Edson Ribeiro e che, per prima, sostenne a livello testimoniale la partecipazione, in qualche forma, di Padre Nivaldo Ceron alla storia (è il ricchissimo prete della Chiesa Cattolica Romana, proprietario ed abitante del Castelo Belvedere di Treze de Maio SC, ndr) si chiama Izabel de Oxum (Isabel è in spagnolo ndr)

Foto di Mae Izabel de Oxum

Foto di Alvaro Salvavidas

ma pure perché la persona che, da informative investigative, sembrerebbe essere tra quelle “vicine” a Barbara si chiamerebbe proprio Isabela.

A sinistra, Barbara – chiamata con lo pseudonimo di Formica (come sembra essere comune ribattezzarsi con nomi di piante o animali nelle associazioni pseudo religiose, ndr) che fa il selfie durante il periodo di fine pandemia. Al centro, la maga che si occupa di magia nera e legamenti (anche con oggetti sottratti a Bevilacqua, come una cravatta che vedremo in una delle immagini, ndr). A destra, in posa quasi “militare”, Alvaro “Salvavidas”, lo pseudo-santone in grado, secondo la psico-religione, di generare con il suo “prezioso seme” dei bambini “semidivinità”. Un “Salvavidas” che è centrale nella vicenda.

Foto chat Whatsapp con Alvaro ‘Salvavidas”

Ciò, afferma Bevilacqua, sempre che le ragazze riescano ovviamente a trovare una “capra italiana” cui sottrarre i primi soldi già durante la gestazione, nel “periodo di mezzo” prima del parto, per ottenere una non ben specificata “benedizione” della Matriarca che le ospita nella “Casa”, come dice Barbara fare anche con lei.

Con il parto, invece, inizierebbe il pagamento di quel “qualcosa” (come dice l’amica di Barbara che sembra fare da raccordo con l’organizzazione, ndr) da garantire costantemente (una sorta di percentuale, ndr) sugli importi ricevuti, in varie forme, dal raggirato di turno.

Oltre alle tre persone in foto, gli altri due soggetti della chat di gruppo sono l’amica di Barbara (più che amica, una sorta di “recruiter” dell’organizzazione, ndr) che “rasserena” l’italo-brasiliana sul buon andamento dei piani rassicurandola che, mantenendo la calma, potrà portare a termine il raggiro del suo italiano come lei ha gia fatto, fruttuosamente in passato, con il proprio (l’altro italiano raggirato, di cui forse si potrebbe scoprire facilmente l’identità, ndr). Mentre la Matriarca non entra mai in questa conversazione (è intermediata dall’amica “coordinatrice”, ndr).

Alla Matriarca si fa invece riferimento in due passaggi di Barbara, quando la stessa dichiara di essere alloggiata, nel periodo in questione, presso la “Casa” della Matriarca. Una circostanza molto strana, non essendo la stessa in condizioni di povertà da dover essere ospitata in una “Casa” apparentemente destinata a persone senza fissa dimora, avendo la disponibilità della propria casa a Laguna o di quella presso i genitori a Tubarao. Così come è strano d’altronde, in Brasile, dire di essere “costretti” a partorire in un ospedale pubblico, nel caso in questione Hospital Nossa Senhora da Conceição in Tubarao – SUS, quando sono disponibili soluzioni e possibilità della migliore sanità privata prepagata da Bevilacqua.

Qui dice pure di non sapere per quanto tempo ancora riuscirà a trattenere la stessa (la Matriarca, ndr), che le chiederebbe insistentemente soldi per una “fantomatica benedizione”. Traccia della “misteriosa donna” c’è pure in due passaggi dell’amica di Barbara nella chat.

L’“amica” parla della Matriarca attribuendo alla “Casa” degli straordinari pseudo-poteri (come luogo che custodirebbe il sangue di Dio, ndr), abbandonandosi poi ad un ricordo quasi “bucolico” di quando anche lei, all’interno di un rito pseudo-religioso, sarebbe stata in passato inseminata grazie alla Matriarca con il “prezioso seme” del Santone. Torna a parlarne poi quando, quasi a mettere le cose in chiaro ed evitare fraintendimenti futuri, dice a Barbara di non dimenticare che, quando tutto sarà andato a buon fine, ci sarà una sorta di “royalty” (algo, il qualcosa, ndr) da corrispondere alla Matriarca come lei stessa (l’amica, ndr) farebbe proprio grazie al denaro del “suo” italiano.

Non ci sarebbe dunque nessun romantico “congiungimento amoroso” con lo pseudo-santone per generare questa specie di “semi-dei” quanto, piuttosto, il suo “gene” sarebbe un premio della Matriarca per le adepte che abbiano “individuato” (probabilmente online e con l’aiuto di persone che fanno profilazione, ndr) la propria “capra italiana” a cui sottrarre soldi da condividere con l’organizzazione.

Un seme in qualche modo prelevato da Isabel (cfr. la chat con Alvaro Salvavidas in basso, ndr) e poi utilizzato in una sorta di “inseminazione rituale” cui presenzia la Matriarca stessa in compagnia, molto probabilmente, di medici che si assicurino il buon fine dell’inseminazione.

Foto parte finale chat con Alvaro Salvadas

Traduzione

B. Coopera con Isabel a mettere il seme nel suo contenitore. Voglio nutrirmi del tuo seme e porlo in adorazione (si intende durante l’atteso rito presso la “Casa” con la “Matriarca”, ndr).

Emerge anche il rapporto di “venerazione” dello pseudo-santone che, da altri passaggi della chat (che non pubblichiamo per il loro contenuto volgare, ndr) sembra arrivare quasi a “disprezzare” le adepte.

Uno schema che sembra prevedere questo quadro, come spiegato dall’amica recruiter: appena accertata l’inseminazione, le ragazze con dentro il “seme dell’Angelo” incontrerebbero la malcapitata “capra italiana” di turno, si unirebbero per una volta allo stesso per dare il via all’attribuzione di paternità: con una distanza di tempo di massimo due settimane – fa notare Bevilacqua – è quasi impossibile accorgersi che prima dell’incontro le ragazze siano già fecondate, soprattutto se si è stati accorti – come lo sono – a “costruire” relazioni con ragazze “apparentemente normali”.

Foto passaggio della chat Whatsapp di gruppo – I tre cuori di Isabel – dove l’amica spiega a Barbara, tutto sommato, la facilità di incastrare l’italiano

Traduzione

A. Guarda, messo in te nel tempo di mezzo, come ho fatto io con il mio str… italiano, credimi, basta un tocco e pronto e t’incastri l’italiano.

La chat “I tre cuori di Isabel” arriva poi ad un passaggio importante, ove si “fa il punto” sulla situazione in corso. A seguire, tre foto di magia nera e legamenti voodoo, probabilmente condivise dalla maga (operativa nel campo specifico, ndr), a testimonianza di ciò che è stato fatto nei confronti di Bevilacqua.

Tre foto di lavori di magia nera e legamenti, altare con oggetti personali, cravatta e bambole di cera voodoo

Viene infine condivisa l’ecografia di un feto (ricordiamo che a Bevilacqua mai nessun documento medico o clinico fu inviato e neanche fatto visionare, al contrario delle richieste di denaro con sottese minacce, come da audio già pubblicati, ndr).

Foto ecografia feto nella chat di gruppo

ed inizia una conversazione – con una “contemplazione” della “creatura” già abbastanza formata – seguita dalle rassicurazioni, da parte dell’amica dell’italo-brasiliana, del fatto di essere riusciti nel loro obiettivo.

B Barbara
A Amica

Foto 1 Chat – I tre cuori di Isabel

Traduzione

B. E’ meravigliosamente magnifico!!!!!!!! (Barbara si riferisce alla foto del feto che condivide con gli “amici”, ndr)

A. ahah rilassati Formica (pseudonimo di Barbara nelle conversazioni con gli “amici”, ndr) sono sicura che non ha perso il fascino, è tutto di Alvaro, il prezioso seme è suo.

Foto chat 2 – I tre cuori di Isabel

Traduzione

B. Ho avuto molto seme da Alvaro ma non solo da lui (cio’ farebbe intendere una qualche ‘preoccupazione’ da parte di Barbara per la presenza di possibili altre persone nella ‘Casa’ ndr), il prezioso liquido è stato dato in casa dalla Matriarca.

A. Nella Casa della Matriarca c’è il sangue di Dio nella carità del seme nella mia natura, nella santificazione c’è la madre che (l’amica ricorda la sua esperienza personale pregressa, ndr) mi teneva i polsi mentre mi riempiva con il suo prezioso seme bianco (di Alvaro, ndr).

Poi Barbara si riferisce a Nunzio, definendolo “capra italiana” (anche altrove sarà definito così, ndr).

Foto chat 3- I tre cuori di Isabel

Traduzione

B. La mia capra italiana prosegue in alta montagna (non si è accorto di niente ndr) non credo che possa fare lo stesso per me la Matriarca “che mi tiene nella sua Casa” ma non credo che, finché non avrò portato abbastanza soldi (da chiedere a Nunzio ndr), la Matriarca mi darà alcuna “benedizione”.

Poi l’amica interviene per tranquillizzarla: il suo caso personale è emblematico del fatto che se si seguono le “regole” (collaudate dall’associazione e diremmo quasi di routine, ndr) tutto andrà per il verso giusto.

Foto chat 4 – I tre cuori di Isabel

Traduzione

A. Una volta che hai dentro (di te, ndr) il “seme dell’Angelo”, fai quello che vuoi e ti darà soldi come io faccio mer…

A. il mio italiano aveva un pene piccolo, ho fatto finta di godermelo, è stato facile una volta e fai un casino di soldi, e qualcosa (una parte ndr) devi corrispondere alla Matriarca.

Si chiude con l’italo-brasiliana più tranquilla che resta in attesa delle “istruzioni” della Matriarca (la Mama’ ndr), vera “regista” di tutta questa operazione truffaldina.

Foto chat 5- I tre cuori di Isabel

Traduzione

B. Sto aspettando la matriarca per le indicazioni sul nostro rito di stasera.

Foto di un altro rito effettuato

La storia non finisce qui.


La “fabbrica dei bambini” – Il dossier

Tutti gli audio sulla truffa

Una fabbrica di menzogne, anche contro il Brasile/1

Una fabbrica di menzogne, anche contro il Brasile/2

Le menzogne nel circolo della fiducia/1

Le menzogne nel circolo della fiducia/2

Sulle tracce della Matriarca/1

Sulle tracce della Matriarca/2

Un tocco, e s’incastra l’italiano/1

Un tocco, e s’incastra l’italiano/2

Con gli “amici” si parla spagnolo

Tutti contro l’italiano: qui a Tubarao si fa quello che diciamo noi/1

Tutti contro l’italiano: qui a Tubarao si fa quello che diciamo noi/2

Tra angeli e arbusti: chi è davvero Gislaine Paes?/1

Tra angeli e arbusti: chi è davvero Gislaine Paes?/2


Torna alle notizie in home