Zero emissioni e crescita economica, per l’Oxford University è possibile

Il nostro pianeta potrà arrivare a zero emissioni nette di carbonio entro il 2050 pur mantenendo la crescita economica. E’ la conclusione dello studio apparso solo pochi giorni fa su Oxford Open Energy, pubblicato dalla Oxford University Press.

Zero emissioni nette entro il 2050 è l’obiettivo della politica climatica ora perseguita da molti Paesi, in linea con l’obiettivo dell’Accordo di Parigi del 2015 di “contenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto di 2 °C rispetto ai livelli preindustriali e proseguire gli sforzi limitare l’aumento della temperatura a 1,5 °C al di sopra dei livelli preindustriali”.

La nuova ricerca ha utilizzato dati del sistema energetico e i modelli macroeconomici per esplorare come questi obiettivi potrebbero essere raggiunti e se è possibile raggiungerli con una crescita economica continua fino al 2100.

Secondo molti studiosi la risoluzione della crisi climatica non sarebbe coerente con la continua crescita economica nei paesi ricchi, ma i dati reali invece indicano che tra il 1990 e il 2016 l’economia dell’Unione Europea è cresciuta di oltre il 50%, mentre le emissioni di CO2 sono diminuite del 25%. Nel Regno Unito e in Finlandia, ad esempio, le emissioni basate sui consumi sono diminuite dal 2007 al 2016 mentre le loro economie sono cresciute dal 2010 al 2016.

I ricercatori hanno analizzato vari scenari per rallentare la crescita della domanda globale di energia primaria in modo che nel 2100 la domanda di energia primaria fosse solo del 30% al di sopra del livello del 2020 e hanno anche valutato attraverso l’uso di modelli, l’impatto della implementazione delle tecnologie rinnovabili necessarie per decarbonizzare quasi completamente la produzione di elettricità entro il 2100 e produrre sette volte più energia utilizzata nel mondo nel 2010, per sostituire i combustibili fossili nei trasporti, nel riscaldamento e in alcuni processi industriali. 

Infine, hanno modellato la graduale riduzione del carbonio a livello globale alla stessa velocità con cui gli Stati Uniti ne hanno ridotto l’uso negli ultimi anni. I risultati dello studio sono stati coerenti con i numerosi scenari di 1,5°C nel database dei ricercatori, che mostravano tutti una crescita continua nell’economia mondiale, pur raggiungendo l’obiettivo climatico di 1,5°C.

In generale, la riduzione della crescita economica entro il 2100 da una linea di base senza decarbonizzazione e che ignora i danni climatici è stata modesta.  Nessuno degli scenari si è avvicinato minimamente al calo della produzione economica rispetto al livello del 2020. Nello scenario centrale della ricerca, la crescita economica dopo il 2020 scende dal 3,5% a poco più dell’1% nel 2100. Questo calo è dovuto principalmente alla stabilizzazione della popolazione umana in questo periodo.

La crescita pro capite si dimezza in questi 80 anni poiché la crescita degli investimenti (che è essenziale per la decarbonizzazione) rallenta, in gran parte dopo il 2040. Il tasso di crescita medio annuo nel periodo 2020-2100 coerente con un sistema energetico che raggiunge 1,5°C in 2100 (dopo aver raggiunto il picco di 1,87 °C tra il 2050 e il 2060) è dell’1,76%. Nel 2100 l’economia globale è cinque volte più grande del 2015.

Con una riduzione graduale del carbonio, sarebbe ancora possibile raggiungere l’obiettivo di 1,5 °C entro il 2100, ma solo facendo un uso significativamente maggiore delle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio e delle emissioni negative.

La temperatura di picco in questo scenario sale da 1,87 °C a 1,89 °C. Se la cattura del carbonio non è disponibile, anche con la rapida riduzione graduale del carbone, le emissioni cumulative di CO2 raddoppiano rispetto allo scenario centrale e non sarebbe più possibile mantenere l’aumento della temperatura a 1,5 °C entro il 2100 – sale a 1,74 °C.

I risultati della modellizzazione di questo studio suggeriscono che, con politiche pubbliche rigorose, l’obiettivo di Parigi di limitare il riscaldamento a 1,5 °C nel 2100 è fattibile e che ciò può essere ottenuto con una robusta crescita economica.

Per raggiungere questo obiettivo, le politiche dei Paesi dovrebbero stimolare aumenti significativi dell’efficienza energetica e delle risorse e il rapido dispiegamento di tecnologie a basse emissioni di carbonio, con la cooperazione globale, una forte politica ambientale e una bassa crescita demografica.

Il nostro pianeta potrà arrivare a zero emissioni nette di carbonio entro il 2050 pur mantenendo la crescita economica. E’ la conclusione dello studio apparso solo pochi giorni fa su Oxford Open Energy, pubblicato dalla Oxford University Press.

Zero emissioni nette entro il 2050 è l’obiettivo della politica climatica ora perseguita da molti Paesi, in linea con l’obiettivo dell’Accordo di Parigi del 2015 di “contenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto di 2 °C rispetto ai livelli preindustriali e proseguire gli sforzi limitare l’aumento della temperatura a 1,5 °C al di sopra dei livelli preindustriali”.

La nuova ricerca ha utilizzato dati del sistema energetico e i modelli macroeconomici per esplorare come questi obiettivi potrebbero essere raggiunti e se è possibile raggiungerli con una crescita economica continua fino al 2100.

Secondo molti studiosi la risoluzione della crisi climatica non sarebbe coerente con la continua crescita economica nei paesi ricchi, ma i dati reali invece indicano che tra il 1990 e il 2016 l’economia dell’Unione Europea è cresciuta di oltre il 50%, mentre le emissioni di CO2 sono diminuite del 25%. Nel Regno Unito e in Finlandia, ad esempio, le emissioni basate sui consumi sono diminuite dal 2007 al 2016 mentre le loro economie sono cresciute dal 2010 al 2016.

I ricercatori hanno analizzato vari scenari per rallentare la crescita della domanda globale di energia primaria in modo che nel 2100 la domanda di energia primaria fosse solo del 30% al di sopra del livello del 2020 e hanno anche valutato attraverso l’uso di modelli, l’impatto della implementazione delle tecnologie rinnovabili necessarie per decarbonizzare quasi completamente la produzione di elettricità entro il 2100 e produrre sette volte più energia utilizzata nel mondo nel 2010, per sostituire i combustibili fossili nei trasporti, nel riscaldamento e in alcuni processi industriali. 

Infine, hanno modellato la graduale riduzione del carbonio a livello globale alla stessa velocità con cui gli Stati Uniti ne hanno ridotto l’uso negli ultimi anni. I risultati dello studio sono stati coerenti con i numerosi scenari di 1,5°C nel database dei ricercatori, che mostravano tutti una crescita continua nell’economia mondiale, pur raggiungendo l’obiettivo climatico di 1,5°C.

In generale, la riduzione della crescita economica entro il 2100 da una linea di base senza decarbonizzazione e che ignora i danni climatici è stata modesta.  Nessuno degli scenari si è avvicinato minimamente al calo della produzione economica rispetto al livello del 2020. Nello scenario centrale della ricerca, la crescita economica dopo il 2020 scende dal 3,5% a poco più dell’1% nel 2100. Questo calo è dovuto principalmente alla stabilizzazione della popolazione umana in questo periodo.

La crescita pro capite si dimezza in questi 80 anni poiché la crescita degli investimenti (che è essenziale per la decarbonizzazione) rallenta, in gran parte dopo il 2040. Il tasso di crescita medio annuo nel periodo 2020-2100 coerente con un sistema energetico che raggiunge 1,5°C in 2100 (dopo aver raggiunto il picco di 1,87 °C tra il 2050 e il 2060) è dell’1,76%. Nel 2100 l’economia globale è cinque volte più grande del 2015.

Con una riduzione graduale del carbonio, sarebbe ancora possibile raggiungere l’obiettivo di 1,5 °C entro il 2100, ma solo facendo un uso significativamente maggiore delle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio e delle emissioni negative.

La temperatura di picco in questo scenario sale da 1,87 °C a 1,89 °C. Se la cattura del carbonio non è disponibile, anche con la rapida riduzione graduale del carbone, le emissioni cumulative di CO2 raddoppiano rispetto allo scenario centrale e non sarebbe più possibile mantenere l’aumento della temperatura a 1,5 °C entro il 2100 – sale a 1,74 °C.

I risultati della modellizzazione di questo studio suggeriscono che, con politiche pubbliche rigorose, l’obiettivo di Parigi di limitare il riscaldamento a 1,5 °C nel 2100 è fattibile e che ciò può essere ottenuto con una robusta crescita economica.

Per raggiungere questo obiettivo, le politiche dei Paesi dovrebbero stimolare aumenti significativi dell’efficienza energetica e delle risorse e il rapido dispiegamento di tecnologie a basse emissioni di carbonio, con la cooperazione globale, una forte politica ambientale e una bassa crescita demografica.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli