GUERINI: LA CIRCOLARE SU ADDESTRAMENTO DELL’ESERCITO È NORMALE

 Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, si è definito “sorpreso” per le lamentele causate dalla circolare dello Stato maggiore dell’Esercito che propone di addestrare le forze armate italiane al combattimento, in seguito alla situazione attuale causata dall’ invasione russa in terra ucraina.

 Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, si è definito “sorpreso” per le lamentele causate dalla circolare dello Stato maggiore dell’Esercito che propone di addestrare le forze armate italiane al combattimento, in seguito alla situazione attuale causata dall’ invasione russa in terra ucraina.

“Sono sorpreso della sorpresa”, ha detto Guerini parlando con alcuni giornalisti a margine della riunione straordinaria della ministeriale Difesa della Nato, oggi a Bruxelles. “In realtà, la circolare è una circolare normale, ordinaria: dice di focalizzare le attività esercitativa sulle prime due missioni delle nostre Forze armate, cioè la difesa dello Stato e la difesa degli spazi euro Atlantici ed euro-mediterranei”.

Si tratta da un lato, ha continuato il ministro, “di specificare il corpus dell’attività esercitativa; e dall’altro lato, siccome partecipiamo, con l’elevazione della prontezza, al rafforzamento della deterrenza dell’Alleanza atlantica, di impiegare gli assetti con questo scopo”.

Guerini ha poi terminato: “ha solo questo preciso riferimento. Credo che non servano le polemiche, e credo che le sorprese siano francamente non tanto comprensibili: è normale che l’attività esercitativa che le Forze armate realizzano si continui a realizzare, e che si realizzi anche tenendo conto della contingenza nella quale ci troviamo”.

 Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, si è definito “sorpreso” per le lamentele causate dalla circolare dello Stato maggiore dell’Esercito che propone di addestrare le forze armate italiane al combattimento, in seguito alla situazione attuale causata dall’ invasione russa in terra ucraina.

 Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, si è definito “sorpreso” per le lamentele causate dalla circolare dello Stato maggiore dell’Esercito che propone di addestrare le forze armate italiane al combattimento, in seguito alla situazione attuale causata dall’ invasione russa in terra ucraina.

“Sono sorpreso della sorpresa”, ha detto Guerini parlando con alcuni giornalisti a margine della riunione straordinaria della ministeriale Difesa della Nato, oggi a Bruxelles. “In realtà, la circolare è una circolare normale, ordinaria: dice di focalizzare le attività esercitativa sulle prime due missioni delle nostre Forze armate, cioè la difesa dello Stato e la difesa degli spazi euro Atlantici ed euro-mediterranei”.

Si tratta da un lato, ha continuato il ministro, “di specificare il corpus dell’attività esercitativa; e dall’altro lato, siccome partecipiamo, con l’elevazione della prontezza, al rafforzamento della deterrenza dell’Alleanza atlantica, di impiegare gli assetti con questo scopo”.

Guerini ha poi terminato: “ha solo questo preciso riferimento. Credo che non servano le polemiche, e credo che le sorprese siano francamente non tanto comprensibili: è normale che l’attività esercitativa che le Forze armate realizzano si continui a realizzare, e che si realizzi anche tenendo conto della contingenza nella quale ci troviamo”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli