UCRAINA, MELONI: FAVOREVOLE A INVIO ARMI. STUCCHEVOLI GLI ATTACCHI A SALVINI

“Giusto aiutare l’Ucraina. Mai avuto dubbi sul fatto che l’Italia faccia parte e debba far parte dell’Alleanza atlantica. Sempre con spirito attento e critico: perché non mi piace la tendenza di buona parte della politica italiana a fare da cheerleader di capi di stato stranieri. E poi perché i veri amici ti dicono quando stai sbagliando”. È quanto dichiarato al Corriere della Sera dalla leader di FdI Giorgia Meloni.
“Con un conflitto armato non c’è spazio per i distinguo – aggiunge – E’ il momento della compattezza e del coraggio. E’ un’aggressione inaccettabile. Terribili le immagini che vediamo ogni giorno. La reazione patriottica, anche inaspettata, dell’Ucraina ci dà una responsabilità in più: dobbiamo difendere l’integrità di una nazione sovrana, è giusto che il governo resti compatto e unito alla comunità internazionale, in sinergia con gli alleati. Armi? I latini dicevano si vis pacem, para bellum, se vuoi la pace prepara la guerra. Pensare che si risolva tutto abbandonando gli ucraini non ha senso. Una sconfitta rovinosa di Kiev provocherebbe un effetto domino per tutto l’Occidente. Anche con la probabile invasione di Taiwan da parte della Cina. Le conseguenze per noi occidentali sarebbero gigantesche. Per cui il governo fa bene così e vada avanti.
Abbiamo votato la risoluzione con tutto quello che comporta, non vedo l’autorevolezza tanto decantata del governo Draghi: mi sembra sistematicamente escluso dai vertici”.  Infine Giorgia Meloni definisce stucchevoli gli attacchi a Matteo Salvini.

“Giusto aiutare l’Ucraina. Mai avuto dubbi sul fatto che l’Italia faccia parte e debba far parte dell’Alleanza atlantica. Sempre con spirito attento e critico: perché non mi piace la tendenza di buona parte della politica italiana a fare da cheerleader di capi di stato stranieri. E poi perché i veri amici ti dicono quando stai sbagliando”. È quanto dichiarato al Corriere della Sera dalla leader di FdI Giorgia Meloni.
“Con un conflitto armato non c’è spazio per i distinguo – aggiunge – E’ il momento della compattezza e del coraggio. E’ un’aggressione inaccettabile. Terribili le immagini che vediamo ogni giorno. La reazione patriottica, anche inaspettata, dell’Ucraina ci dà una responsabilità in più: dobbiamo difendere l’integrità di una nazione sovrana, è giusto che il governo resti compatto e unito alla comunità internazionale, in sinergia con gli alleati. Armi? I latini dicevano si vis pacem, para bellum, se vuoi la pace prepara la guerra. Pensare che si risolva tutto abbandonando gli ucraini non ha senso. Una sconfitta rovinosa di Kiev provocherebbe un effetto domino per tutto l’Occidente. Anche con la probabile invasione di Taiwan da parte della Cina. Le conseguenze per noi occidentali sarebbero gigantesche. Per cui il governo fa bene così e vada avanti.
Abbiamo votato la risoluzione con tutto quello che comporta, non vedo l’autorevolezza tanto decantata del governo Draghi: mi sembra sistematicamente escluso dai vertici”.  Infine Giorgia Meloni definisce stucchevoli gli attacchi a Matteo Salvini.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli

Squalo bianco

Il lato sinistro di Giuseppi

Lega Sud

Sorpresa il partito del Nord

Il ministro Fedriga